Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

LA MOBILITAZIONE

Mobilitazione contro il passaggio delle grandi navi ma non solo sabato prossimo a Venezia, con una grande manifestazione regionale che partirà dalle 14 dalla Stazione di Santa Lucia e si snoderà per tutto il centro storico e alla quale parteciperanno una novantina di comitati, tra cui, naturalmente il No Grandi Navi, ma anche molti altri: dai «Beati i costruttori di pace», al Movimento Consumatori, a Legambiente del Veneto, solo per citarne alcuni.

Molti i temi della protesta. Dal no alle grandi opere come Tav, Mose, centrale di Porto Tolle, scavo di nuovi canali in laguna come il Contorta (nuove scogliere e false barene-discariche).

Si punta appunto all’allontanamento definitivo delle grandi navi dalla Laguna, ma anche alla liberazione del territorio veneto dalle servitù militari, alla gestione pubblica e partecipata, senza profitti in bolletta, di acqua e servizi pubblici, al blocco della privatizzazione della sanità.

I comitati chiedono anche lo stop «a nuove autostrade, strade, raccordi e poli commerciali che desertificano i nostri centri, distruggendone il tessuto sociale e le attività economiche: investire per recuperare aree ed edifici da bonificare e riqualificare (a partire da Porto Marghera) per attivita innovative».

Si punta anche a «investire non in autostrade e Alta Velocita, ma in rinnovo e potenziamento delle ferrovie esistenti con un piano integrato di vera intermodalità.Favorire il trasporto pubblico locale e regionale (SFMR). Favorire la mobilita ciclo-pedonale. Spostare il trasporto merci dalla gomma alla rotaia».

Altro tema della protesta è la modifica degli organismi di valutazione e controllo ambientale per renderli indipendenti dai poteri politici ed economici: eliminare i conflitti d’interesse e di competenze e la concentrazione di tutti i poteri (di Piano, progetto, valutazione).

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui