Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – A Mestre il primo hotel a “km zero”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

26

nov

2013

Solo prodotti locali in cucina ai Pini

Il primo hotel «a KmZero» del Veneto si trova a Mestre. È il Park Hotel «Ai Pini», in via Miranese. Tutto, dall’ospitalità alla ristorazione, è ispirato alla tipicità locale, anzi la esalta. Per questo la Coldiretti ha voluto assegnare al Hotel ristorante “Ai Pini” a la targa “KmZero”, consegnata dal presidente di Coldiretti Giorgio Piazza, dall’assessore regionale Franco Manzato e da Ermes Coletto di Federconsumatori Veneto nelle mani di Giovanni Battista Baldo e Roberta Ferrari, titolari dell’Hotel ristorante in via Miranese.

«Il riconoscimento è fonte di soddisfazione – spiega Roberta Ferrari – perché è la conferma della bontà del lavoro svolto e che stiamo andando nella giusta direzione. I clienti apprezzano questo tipo di offerta, basata su buoni prodotti tipici e di qulità».

Il “KmZero” arruola così il primo hotel e dopo l’osteria, la cichetteria, un bar e varie trattorie, Venezia si aggiudica anche questo riconoscimento.

L’hotel di Mestre ora è entrato ufficialmente nel circuito dei locali che danno priorità al risparmio energetico, alla stagionalità nei menù e alla tutela ambientale. Il fatto stesso che solo in Veneto si assegni questo tipo di riconoscimento fa dei “Pini” il primo hotel a “KmZero” d’Italia.

Il premio è stato assegnato per l’uso che lo chef Alessandro Lucato ha fatto della cucina tradizionale, come la riscoperta dell’uovo sbattuto alla contadina, o “sbattutino”, la ricetta di una volta per cominciare la giornata sempre più apprezzata dai clienti di tutto il mondo, nella variante col marsala o con l’aggiunta di latte caldo.

«Che la ristorazione privata risponda con entusiasmo – sottolinea Coldiretti – significa che l’interesse per uno stile di vita a kmzero è sempre attuale e che, nonostante i limiti burocratici, il modello in questione non perde il suo appeal».

Marco Dori

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui