Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Portogruaro. L’associazione attacca Paolo Bellotto, presidente della società che ha redatto lo studio sulla fattibilità della piattaforma intermodale

PORTOGRUARO – I “No Tav” del Veneto orientale accusano Paolo Bellotto, assessore all’Innovazione di Portogruaro, di conflitto di interessi. E lo fanno proprio alla vigilia della presentazione dello studio a supporto della fattibilità di una piattaforma logistico-intermodale nel Veneto orientale, programmata per domani alle 18 in municipio alla presenza dell’assessore regionale alla mobilità Renato Chisso e del governatore del Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani. Lo studio è stato commissionato da Nomisma e Polins srl, una società che si occupa di economia e che gode di una partnership dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, di cui Bellotto è presidente.

Paolo Bellotto, sdegnato, respinge le accuse, sottolineando che la nomina di assessore è arrivata col rimpasto di giunta del 2012 (reso ufficiale due giorni dopo la firma del protocollo per lo studio) e che la partecipazione di Polins alla relazione stessa è comunque un valore aggiunto a quanto verrà presentato ufficialmente domani.

«Nomisma» sottolineano i No Tav in una nota «è una società di studi economici che ha tra i suoi finanziatori soggetti noti alle cronache per vicende giudiziarie e per interessi diretti sulla realizzazione delle linee Tav in Italia. A questo si aggiungono Polins e il ruolo double face di Paolo Bellotto».

«Come può risultare obiettivo» si chiedono i No Tav «uno studio realizzato da una società il cui presidente del Cda ricopre nel contempo la carica di assessore all’Innovazione del Comune portabandiera dello studio? È difficile credere che l’assessore Paolo Bellotto possa avere una posizione al di sopra delle parti. Visto che lui stesso è contemporaneamente realizzatore dello studio e controllore della sua imparzialità».

«Si sbagliano» si difende l’assessore «È esattamente il contrario di quello che scrivono, l’imparzialità dello studio è garantita proprio da Polins, che è una società del territorio che supporta le imprese del Veneto orientale per lo sviluppo economico dello stesso. Polins garantisce che si parli effettivamente dei nostri interessi e delle nostre potenzialità di sviluppo e non di quelle di qualcun altro. Non mi sento in conflitto di interessi perché io non ho un ruolo nello studio, che è gratuito per il Comune. Io non ci guadagno niente da questo studio. Serve a verificare e a fare il punto su quello che si può fare per il nostro territorio, che è anche dei No Tav. Sono dati che abbiamo consegnato alla conferenza di venerdì scorso. I No Tav affrontano l’argomento senza essersi informati. Io non ho realizzato alcuno studio».

Rosario Padovano

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui