Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

VIA LIBERA DELLA GIUNTA

Via libera della giunta alla pista ciclabile che collegherà Mestre a Venezia attraverso il ponte della Libertà. Via libera anche al piano di illuminazione lungo il ponte. L’annuncio è stato dato dal sindaco Giorgio Orsoni, e dagli assessori comunali alla Mobilità, Ugo Bergamo, e ai Lavori pubblici, Alessandro Maggioni, con una conferenza stampa.

«Entro il prossimo settembre – ha spiegato il sindaco – la pista ciclabile, che collegherà la ferrovia di Mestre con piazzale Roma, sarà realizzata. L’obiettivo è quello di rendere sempre più funzionale il collegamento tra i due centri della città. In questi anni sono stati presentati tanti progetti sulla pista ciclabile sul ponte translagunare: bellissimi ma molto onerosi. Questo ha tre pregi: di poter essere realizzato presto, di avere un costo contenuto, di poter poi eventualmente essere modificato o integrato con altre soluzioni tecniche e architettoniche».

«La pista ciclabile – ha sottolineato Bergamo – sarà lunga complessivamente 6,2 chilometri. Il primo tratto, di 2,5 km, in gran parte già esistente, andrà dalla stazione ferroviaria di Mestre, sino all’imbocco del ponte, attraversando via Torino, immettendosi, attraverso il sottopasso, al Vega, e costeggiando poi via Pacinotti, via dei Petroli e via dell’Idraulica. Il secondo tratto, di 3 km, attraverserà il ponte: la pista ciclabile, bidirezionale, larga 2,20 metri, sarà realizzato dove si trova l’attuale marciapiede, sul lato opposto della ferrovia. L’ultimo tratto, di 750 metri, sarà costituito da una passerella esterna, che arriverà sino all’intersezione del Tronchetto, e consentirà di giungere al posteggio delle moto, in cui sarà realizzato anche uno spazio per le bici».

«Il costo – ha puntualizzato Maggioni – sarà di 1.950.000 euro. Costerà invece quasi 1.300.000 euro la nuova illuminazione del ponte, che riguarderà sia la parte stradale (e sarà costituita da marcatori di luminosità con sorgenti led), che la pista ciclabile. L’obiettivo è che tutto sia pronto per il prossimo settembre, con l’entrata in funzione del tram».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui