Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Dal 15 dicembre scatta il nuovo orario, i sindacati chiedono un incontro urgente in Regione

CITTADELLA – Manca meno di un mese alla partenza del nuovo orario dei treni regionali, fissato per il prossimo 15 dicembre. Per la prima volta dalla nascita delle ferrovie nel Veneto, i treni locali avranno un orario cadenzato. Ovvero tutti i convogli partiranno (e, naturalmente, arriveranno) a una determinata ora e a determinati minuti. Come di regola accade per gli autobus nelle grandi città.

Un esempio: dalla stazione di Cittadella partiranno alle 7.01 e così via. In base alle previsioni – pubblicizzate già decine di volte dall’assessore regionale Renato Chisso – il nuovo orario, per la prima volta concordato anche con le associazioni dei consumatori e degli utenti, dovrebbe garantire ai pendolari più treni a disposizione con più carrozze e migliori servizi a bordo. Almeno in teoria. Come accade da sempre nella vicina Baviera oppure in Carinzia e anche in Slovenia, infatti, i pendolari non dovrebbero più viaggiare come “sardine in scatola” costretti a contendersi gli spazi anche in piedi.

Ma i sindacati di categoria – Cgil, Cisl, Uil, Fast, Orsa, Ugl e Faisa – sostengono da sempre che fidarsi è bene, ma non fidarsi è meglio. E nutrono molte perplessità. Così, proprio ieri mattina, hanno inviato all’assessore Renato Chisso una lettera, di due pagine, in cui chiedono un incontro urgente per parlare dei nodi e delle contraddizioni che ancora oggi esistono all’interno della bozza del nuovo orario. Bozza ormai già pronta dal mese di luglio.

«Chiediamo, intanto, di non aumentare le tariffe e gli abbonamenti, ma anche più risorse economiche per mettere in pratica il nuovo orario senza problemi e la consegna puntuale dei nuovi treni Stadler, fabbricati in Svizzera, che dovranno essere messi su rotaia dal 15 dicembre» spiega Ilario Simonaggio, segretario regionale della Filt-Cgil.

Peraltro nel documento firmato dai segretari regionali dei sindacati di categoria è inserito anche un altro ordine del giorno, destinato a creare dibattito nell’opinione pubblica.

«Come prevedevamo, non ci sono ferrovieri a sufficienza per far circolare i treni a partire dal 15 dicembre» aggiunge Simonaggio, «Tant’è che TrenItalia ha previsto di riassumere anche alcuni macchinisti già in pensione. Come mai, a 25 giorni dal nuovo orario, le assunzioni non sono state ancora effettuate?».

Felice Paduano

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui