Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Mira “Il distretto sanitario resta qui”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

6

dic

2013

 

Mira. Il sindaco Maniero contro Dolo per la nuova sede del servizio: «Va bene il progetto Carpinetti»

MIRA «Faremo di tutto per far restare il distretto sanitario a Mira . Non ce lo faremo scippare dal sindaco di Dolo che lo vuole trasferire nell’ex Tribunale. Faremo proprio anche il progetto dell’ex sindaco Carpinetti se necessario. L’importante è che una città di 40 mila abitanti non resti senza questo servizio».

A dirlo ieri sera in una affollata assemblea organizzata dal movimento politico “ Noi per Mira”, capeggiato dall’ex sindaco Roberto Marcato, è stato l’attuale primo cittadino Alvise Maniero. Il sindaco ieri si è reso conto che il distretto potrebbe davvero passare da un comune ad un altro a breve. Maniero è intervenuto dopo che aveva parlato il presidente della Conferenza dei sindaci dell’Asl 13 Fabio Livieri. Livieri ha ribadito come sia necessario che la situazione si sblocchi in Riviera del Brenta, che non si perda altro tempo e si proceda alla realizzazione della nuova sede del distretto.

«L’ipotesi del trasferimento della sede a Dolo da Mira era già stata portata avanti dal sindaco di Dolo Maria Maddalena Gottardo con una proposta già questa estate. L’attuale sede del distretto di Mira in Villa Lenzi non è idonea».

La Gottardo ha cambiato la destinazione d’uso dell’ex Tribunale indicando l’edificio come il più adatto per ospitare i servizi sanitari. L’ex sindaco di Mira Michele Carpinetti, invece aveva presentato un progetto apposito che poi si è arenato. Il nuovo distretto sarebbe dovuto sorgere all’interno del quartiere Lissandrin, fra via Toti e via Oberdan . Una zona che non è servita da alcuna linea di mezzi pubblici. Secondo i progetti dell’ex sindaco il nuovo distretto poteva contare su spazi raddoppiati rispetto alla sede attuale. L’avvio dell’iter per il distretto seguiva nel 2010 l’intesa tra Comune e Asl 13, ed era è stata siglata da Carpinetti e dal direttore dell’Asl, Arturo Orsini. Per la struttura c’era la disponibilità di 2 milioni di euro regionali. Il Comune però dal 2010, accusano le opposizioni non si è mosso: «anzi la giunta grillina di fatto ha congelato tutto. Il motivo dell’immobilismo? Il pericolo di “cementificare il territorio”».

Maniero adesso invece fa suo il progetto. «Non ci aveva convinto fino in fondo», ha detto, «ma visto che c’era una convenzione e accordo, lo facciamo nostro. Non capiamo perché la Regione non ha sbloccato il Fondo di Rotazione promesso, un prestito da due milioni di euro necessari per il nuovo distretto». Il capogruppo del Pd Francesco Sacco, ha detto che si farà un consiglio comunale straordinario sull’argomento.

Alessandro Abbadir

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui