Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Mattino di Padova – Padova-Mantova va in tilt

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

7

dic

2013

PENDOLARI

Un solo vagone zeppo di gente, interrogazione di Narduolo (Pd)

Ennesima giornata di disagi per i pendolari della Bassa che arrivano in città per motivi di studio o lavoro. Anche ieri guasti e ritardi ferroviari non sono mancati. La segnalazione arriva da Silvia Paggiarin, residente a Este che ogni giorno prende il treno per venire a lavorare a Padova:

«Aspettavo il regionale d Padova-Mantova delle 14.46. Ma, tanto per cambiare, mentre il treno veniva da Mantova il capotreno ha segnalato un guasto. Le ferrovie evidentemente non hanno provveduto e così, arrivato a Padova, hanno dovuto trovare una soluzione. Il treno è stato praticamente diviso in due, ci hanno lasciato solamente un vagone».

La carrozza del treno regionale, già in ritardo per la sosta prolungata nella stazione di Padova, si è così riempita di gente.

«Era impossibile stare là dentro. C’erano persone stipate come sardine perfino in bagno, in più l’aria era irrespirabile. Il macchinista si è addirittura rifiutato di partire».

Situazione paradossale che ha costretto molti pendolari a scendere dal convoglio.

«Fortunatamente è passato un treno per Bologna, il regionale veloce delle 15.12. Ci siamo precipitati e, a Monselice, siamo scesi e abbiamo preso la coincidenza per Legnago. Dalle 14.15 sono arrivata a casa alle 16 passate!».

Ma da Internet rimbalza la “classifica” dei ritardi, aggiornati e contabilizzati dal portale Trenitardo nato un mese fa per iniziativa degli studenti universitari di Padova, Udine e Venezia del coordinamento universitario «Link». Ha monitorato 11.194 treni: 8.319 viaggi si sono rivelati puntuali, mentre si contano ritardi fra 5 e 15 minuti nel 17,6% degli altrin treni.

Lievitano a un ritardo fra 15 e 30 minuti (3,9%), oltre i 30 minuti (2,1%) e cancellazioni (2,1%, con una media di 12 soppressioni di treni al giorno).

Peggio di tutti “viaggia” proprio la linea Padova-Mantova, che impiega mediamente 7,7 minuti in più rispetto all’orario previsto da Ferrovie per raggiungere il capolinea.

Fra i treni regionali, spiccano i “problemi” delle linee Venezia-Milano (puntuale solo nel 10,5% dei casi) e Padova-Calalzo (42,1% di ritardi di almeno cinque minuti).

E al fianco dei pendolari è scesa in campo anche Giulia Narduolo, deputato del partito democratico, originaria di Medagliano san Vitale. Ha presentato un’interrogazione a Governo e Ministero dei Trasporti per chiedere se sono a conoscenza «dell’autentico calvario quotidiano che devono affrontare giornalmente gli utenti di Trenitalia residenti nella bassa padovana e bassa veronese, che cosa intendano fare per evitarli e infine per chiedere al Ministro Lupi di venire al più presto in Parlamento a fornire informazioni più chiare riguardo alle variazioni dovute dall’entrata in vigore dal 15 dicembre del cosiddetto “orario cadenzato”, visto che, a livello regionale si continua a non fare abbastanza chiarezza nonostante manchi poco più di una settimana al cambio di orario.

Alice Ferretti

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui