Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Mattoni da primato. Record di metri cubi.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

7

dic

2013

GLI EFFETTI DEL PIANO CASA

VENEZIA – Il Veneto è la prima regione d’Italia per volumi degli ampiamenti dei fabbricati residenziali. L’effetto del piano casa si riferisce al 2011, quando il volume degli ampliamenti ha toccato – in migliaia di metri cubi – la cifra record di 1.615,656.

Tanto per avere un confronto, la seconda regione per volumi ampliati è la Lombardia (che ha il doppio degli abitanti) che si è fermata a poco più di 914 mila metri cubi, poco più che la metà.

Il numero di fabbricati residenziali di nuova costruzione è stato di 3.356, contro i 4.621 della Lombardia e i 2326 del Lazio.

Poco più di novecento, invece (923) i permessi a costruire rilasciati dai Comuni del Veneto nel 2011 per i fabbricati non residenziali, che hanno consentito ampliamenti per 3,523 milioni di metri cubi.

Complessivamente, dunque, il Veneto nel 2011 ha registrato poco più di diecimila permessi a costruire (10.034) per un totale di quasi 85 mila vani nuovi costruiti (in Lombardia sono stati 156 mila, nel Lazio 72 mila).

Infine il numero di compravendite: nel 2007 erano state 72 mila, nel 2011 appena 36 mila.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui