Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

VENEZIA – Se ne parlerà nel 2016, quando saranno percorribili i 99 Km della Pedemontana da Villorba, in provincia di Treviso, a Bassano del Grappa, in provincia di Vicenza. Ma gli automobilisti che se ne serviranno e che saranno residenti nei comuni attraversati, hanno già una certezza grazie ad una delibera della Giunta regionale del Veneto: pagheranno il 50% del pedaggio per 15 anni se percorreranno 21 chilometri, in un senso o nell’altro; poi, fino al ventesimo anno di esercizio, l’esenzione sarà del 25%; quindi il pedaggio sarà a tariffa piena.

Più fortunati saranno gli studenti under 23 e i pensionati over 65 anni: non pagheranno nulla fino al compimento del 15. anno di attività della superstrada.

Nella delibera della Giunta preparata dall’assessore alla Mobilità Renato Chisso, viene anche aumentato il numero dei comuni i cui residenti potranno beneficiare dello “sconto”: delle 36 amministrazioni faranno parte anche Montecchio Precalcino, Trissino e Salcedo. Con il provvedimento, spiega il governatore Luca Zaia, si chiude di fatto il capitolo burocratico della Pedemontana (la realizzarla saranno la Sis di Torino e la spagnola Itinere Infraestructuras; costo previsto 2 miliardi 258 milioni, di cui 370 dallo Stato, compreso un centinaio di milioni per opere collaterali richieste dai comuni). «Ora – argomenta – non resta che procedere più speditamente con i lavori, che dovrebbero terminare nel 2016». Intanto qualche soddisfazione: «Da decenni in Veneto non si progettava un’arteria così lunga; l’idea originale è stata totalmente cambiata: prima si ipotizzava una striscia d’asfalto a livello campagna, poi si è progettata quasi tutta in trincea evitando il problema di riutilizzo e smaltimento della ghiaia che più nessuno vuole». Da parte degli automobilisti, la certezza di un taglio drastico dei tempi di percorrenza e più facilità di collegamento e di raccordo con il sistema autostradale esistente.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui