Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – “Nuova Romea fuori dalla Riviera”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

12

dic

2013

Si allarga il fronte dei sindaci contrari all’opera. Menin: «Progetto superato»

CAMPONOGARA «La Romea commerciale è un progetto datato, pensato per i flussi di traffico della fine degli anni Novanta inizio Duemila, ora ridotti del 30%. Un’opera che se costruita adesso come fu pensata allora, non ha più alcun senso». A prendere posizione è Giampietro Menin, sindaco di Camponogara e presidente della Conferenza dei sindaci della Riviera del Brenta. Menin porterà questa linea all’attenzione della prossima conferenza dei sindaci, che si terrà entro fine dicembre. «Serve una messa in sicurezza dell’attuale Romea», dice, «e se proprio la nuova autostrada si deve fare, si faccia fermare prima del territorio della Riviera che è patrimonio inestimabile».

Con Menin si schiera anche il sindaco di Campagna Lupia, Fabio Livieri: «Sono dell’idea» chiarisce Livieri, «che realizzare una nuova autostrada non sia utile. L’idea di fermare l’opera prima che arrivi a Lova di Campagna Lupia, è condivisibile. La scelta da fare è quella di fermare l’infrastruttura a Codevigo e innestarla sull’A 13 per poi mettere in sicurezza l’attuale Romea. La messa in sicurezza dell’attuale Romea passa attraverso un raddoppio della sede stradale fino alla rotonda di Marghera e da lì un collegamento diretto sul Passante senza intasare la Tangenziale di Mestre».

Anche il sindaco di Dolo, Maddalena Gottardo, ha corretto recentemente la propria posizione, spiegando di essere favorevole al fatto che l’attuale Romea si fermi sulla Nogara Mare a Cavarzere, e da lì sull’A 13. Prima sembrava possibilista sul fatto che potesse innestarsi a Villabona.

Le posizioni del sindaco di Mira Alvise Maniero e dei comitati “Opzione Zero” sono note. Per il sindaco grillino e i comitati, l’opera non va fatta punto.

Una discussione sulla questione della Romea commerciale è in programma domani sera a Dolo in sala del consiglio comunale alle 20, organizzata dal gruppo “Il Ponte”.

(a.ab.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui