Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Si sono presentati in più di duecento ad ascoltare il Prefetto di Venezia, Domenico Cuttaia. Del resto l’allarme resta alto in tutta la zona nonostante l’aumentata presenza delle Forze dell’ordine abbia portato in novembre ad una diminuzione soprattutto dei furti in abitazione.

Il prefetto Cuttaia ieri a Martellago: «Situazione difficile ma è migliorata da quando c’è la nuova caserma»

«Furti diminuiti del 25 per cento»

MONITO  «I cittadini non devono pensare di sostituirsi alle forze dell’ordine»

RISPOSTA  «Vogliamo più controlli più telecamere, più luce»

La situazione è seria, ma sta migliorando grazie alla nuova caserma dei carabinieri e ai rinforzi che arrivano dal Battaglione di Mestre. Ecco perchè in novembre i furti in abitazione sono scesi del 28 per cento.

Duecento persone hanno seguito ieri la visita del Prefetto, che ha incontrato associazioni e realtà sociali e poi partecipato al consiglio comunale straordinario sulla sicurezza. Dopo il sindaco, Monica Barbiero, sono intervenuti i capigruppo e i rappresentanti dei cittadini tra cui Davide Scarpa (Comitato Martellago Sicura). Tutti hanno espresso il malessere e l’angoscia dei cittadini che arrivano alle risposte “auto-gestite”, per combattere l’ondata di furti. E quindi tutti chiedono al prefetto più forze dell’ordine, con un coinvolgimento più attivo anche della polizia locale, telecamere, miglior illuminazione… E sono state chieste leggi più severe: il leghista Zane ha esposto il cartello «No indulto». «Stato e Comune devono investire in sicurezza: il fenomeno non finirà presto» ha detto Gianfranco Pesce (Pdl), alludendo all’effetto-crisi, come ha osservato dal Prefetto.

«Il problema c’è ed è grave – ha ammesso Domenico Cuttaia, ricordando i dati sui furti in casa, raddoppiati nei primi 10 mesi 2013 – ma lo stiamo affrontando con le forze di polizia. Sapendo di questa situazione abbiamo assegnato a Martellago una caserma con 11 carabinieri operativa dall’1 novembre e in quest’ultimo mese per la prima volta c’è stata un’inversione di tendenza: i reati sono diminuiti del 25% rispetto al novembre 2012, i furti in genere del 25%, in casa del 28%. Nel solo novembre sono state arrestate o denunciate 15 persone, a fronte delle 47 dei primi 10 mesi dell’anno. Non possiamo dormire sonni tranquilli, ma la nuova caserma più la sessantina di servizi straordinari del Battaglione Carabinieri di Mestre hanno dato risultati» ha aggiunto, ribadendo che la risposta alla criminalità deve arrivare dalle forze dell’ordine. Il prefetto ha ribadito che «la collaborazione dei cittadini è proficua, purché qualcuno non pensi di sostituirsi alle forze dell’ordine».

Cuttaia ha giudicato utile il potenziamento dell’illuminazione nelle zone sensibili e la predisposizione di un sistema di videosorveglianza, lanciando la proposta di affidare a volontari la visione delle immagini per liberare agenti sul territorio. Ha assicurato impegno per aumentare gli organici. «Ho fatto presente al Ministro dell’Interno la necessità di avere più forze dell’ordine per il nostro territorio e la Legge di Stabilità stanzia più risorse per le forze di polizia: auspico che ne assegnino qualcuna in più a Venezia».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui