Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

SETTIMANA NERA

L’assessore salva l’orario cadenzato. E il Pd regala un trenino a Zaia: «Impari»

Treni ko, Chisso: «Colpa di gelo e guasti»

MESTRE – È sicuro l’assessore Renato Chisso: «Quello che è accaduto lunedì scorso in Veneto ai treni non è frutto dell’orario cadenzato appena avviato, ma una serie di eventi eccezionali». Freddo, gelo, incidenti, corrente che mancava, perfino una persona che muore e il treno si ferma: tutto in una giornata.

«E adesso – insiste Chisso che si è presentato anche alla commissione Trasporti della regione Veneto spiegando tutto – si sta affinando, ascoltando le decine e decine di richieste concrete che ci sono arrivate, il meccanismo. Tutto questo è un fatto positivo. Così come è positivo il fatto che ci siano 200 corse in più al giorno. Un esempio? Il sindaco di Due Ville ci segnala che il treno delle 7 e qualcosa da Schio è sovraffollato. Il giorno dopo quel treno aveva il doppio delle carrozze. Il problema è comunicare tutto quello che non va. Per la fine di gennaio troveremo risposte a tutto. E per i bus sostitutivi occorrerà prendere le misure ancora per 2 o 3 settimane».

Il gelo che ha causato cadute di tensione lungo le linee elettriche e il congelamento ieri in particolare in provincia di Belluno, del gasolio delle motrici, malgrado queste siano rimaste accese tutta la notte. E ieri a Este un treno si è guastato: sostituito da un altro che ha lasciato al freddo e stipatissimi i pendolari. In attesa di risolvere il “buco mattutino, quello dalle 10 alle 12″ – dovuto pare alle fasce di manutenzione – Chisso ha annunciato anche che ricontratterà con RFI, per spostarle in altro orario». L’assessore e e la Commissione hanno deciso di incontrare la direttrice per il Veneto, Maria Giaconia.

Intanto l’opposizione continua la polemica e ieri i consiglieri del Pd hanno regalato un trenino giocattolo a Zaia, “così potrà studiare orario cadenzato”. Il kit completo di binari, locomotiva, vagoni e stazione è affidandola al vicepresidente Zorzato, in aula, durante la seduta del Consiglio regionale del Veneto. “Visti i problemi che il nuovo orario cadenzato sta creando in Veneto e la scarsa dimestichezza dimostrata dal presidente Zaia con l’organizzazione del servizio ferroviario regionale».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui