Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Dolo. Veneto City, l’istruttoria prosegue.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

19

dic

2013

Commissione a porte chiuse: 502 tavole all’esame dei consiglieri

DOLO – I piani urbanistici attuativi (Pua) di Veneto City sono stati al centro della discussione di una commissione urbanistica non aperta al pubblico che si è svolta martedì pomeriggio. Ai lavori hanno partecipato i membri della commissione, alcuni consiglieri comunali e i responsabili dell’ufficio urbanistica – edilizia privata del comune di Dolo che stanno seguendo l’istruttoria dopo la presentazione dei Pua da parte dei proponenti avvenuta a metà luglio.

Il materiale presentato da Veneto City Spa è imponente: 502 tavole di cui 76 elaborati che riguardano il Pua del primo e del secondo stralcio della prima fase, 35 tavole che riguardano il progetto quadro, 391 elaboratori che riguardano il progetto definitivo delle opere infrastrutturali.

Il lotto interessato è quello più ad ovest dell’intera area di proprietà di Veneto City Spa nel quale dovrebbe sorgere anche la nuova stazione ferroviaria di Pianiga.

Durante la riunione si è discusso dei piani norma e sono state fornite risposte ai quesiti posti dai consiglieri. Dopo la presentazione dei Pua, il comune di Dolo aveva chiesto che venissero inviati i pareri dei vari enti o aziende coinvolte tra cui Soprintendenza dei beni architettonici, Soprintendenza dei Beni artistici, Rete Ferrovie Italiane, Genio civile regionale, Consorzi di bonifica, Autostrada, Arpav, Provincia e Regione per le strade di competenza, Enel, Veritas e Telecom.

Una volta che i pareri saranno giunti al comune di Dolo e di Pianiga si potrà continuare con l’istruttoria. La normativa dice che i piani urbanistici attuativi dovranno essere approvati dalla giunta comunale mentre le opere pubbliche dovranno passare al vaglio del consiglio comunale. L’iter si preannuncia ancora lungo.

Giacomo Piran

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui