Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Castelfranco. Rifiuti zero nel 2022: ecco come.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

22

dic

2013

L’AMBIZIOSO PROGETTO DEL TV3

Gerolimetto: «Ridurremo i rifiuti non riciclabili almeno dell’80%»

CASTELFRANCO – Un progetto ambizioso riguardante la riduzione del quantitativo di rifiuti non riciclabili prodotti in città. Il piano è stato approvato all’unanimità durante l’ultimo consiglio comunale e di fatto ripropone l’obiettivo «Rifiuti 0 al 2022» che in Europa tanti paesi si sono prefissati. Il Comune di Castelfranco, capofila tra i Comuni del consorzio Tv3, ha approvato il provvedimento.

«L’ambizioso progetto prevede di arrivare ad una riduzione dei rifiuti non riciclabili prodotti almeno dell’80% nell’arco di una decina d’anni – spiega l’assessore all’Ambiente Nazzareno Gerolimetto – e di arrivare, in via ipotetica, al riciclo del 100% dei rifiuti».

La cosa si concretizzerà in alcuni progetti che nelle prossime settimane prenderanno via. Innanzi tutto saranno consegnati alle famiglie dei contenitori appositi per il recupero dell’olio esausto, ovvero dell’olio utilizzato e da smaltire, in modo da evitare gli smaltimenti impropri. Sarà inoltre avviato un progetto per il recupero ed il riciclo dei pannoloni utilizzati, che spesso finiscono nel secco. Saranno smaltiti a parte e tramite un procedimento apposito si punta al riciclo dello stesso materiale. Per quanto riguarda il rifiuto secco, si tenterà di effettuare gradualmente una piccola rivoluzione. Finora il rifiuto secco veniva riutilizzato come combustibile da rifiuto, utilizzato cioè per il recupero di energia in impianti di incenerimento. Si tenterà di passare da questa soluzione alla trasformazione del rifiuto secco in materie prime secondarie. In sostanza, tramite un processo di lavorazione dello stesso, il secco viene ridotto ad una poltiglia granulare con la quali si può ottenere un materiale simile alla plastica. Lo so può utilizzare per realizzare panchine pubbliche e altri oggetti di arredo urbano. Infine sarà avviato un progetto per il recupero della sabbia da spazzamento stradale.

(d.q.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui