Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

MIRA – A rischio l’Orto in condotta di Mira. «Senza sponsor e finanziamenti la sua attività è in pericolo» denunciano i rappresentanti dello Slow Food locale. L’orto in condotta nasce nel 1995 da un’idea Slow Food negli Stati Uniti. Quello di Mira, il primo in Veneto, era stato realizzato da un’intesa tra la direzione didattica del primo circolo di Mira e Slow Food Condotta Riviera del Brenta. Oggi in Italia ne sono attivi 435; 39 quelli in Veneto. In questi anni a Mira sono stati coinvolti gli studenti, coltivati vari prodotti a rotazione quinquennale, da biologici, locali e stagionali, per il recupero della fertilità spontanea del terreno. Gli allievi hanno vissuto varie esperienze: dalla semina alla raccolta, dalla cura del prodotto alle lezioni teoriche, i laboratori con i nonni dell’Auser, degustazioni. Tanti sono passati dall’orto in condotta. I bambini coltivano sapori e, dicono a Slow Food, «degustano saperi». Ma ora i soldi iniziano a scarseggiare. «Ci serve aiuto per continuare» fanno sapere da Slow Food.

(a.rag.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui