Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

BORBIAGO – Arriva il via libera dalla Regione per il sottopasso ciclopedonale a Borbiago, ma non dovrà costare più di un milione di euro. A spiegarlo è stato l’assessore alla Mobilità della Regione Renato Chisso durante un incontro che era stato chiesto a gran voce dal comune di Mira e dai comitati della zona.

«Abbiamo ribadito – spiega il sindaco di Mira, Alvise Maniero – la grande aspettativa dei cittadini verso quest’opera. La Regione ha concordato con noi sulla sua importanza, ma ha anche ribadito che occorre contenerne i costi entro il milione di euro non di più. Occorre quindi che il progetto sia studiato per rimanere dentro questa cifra».

L’incontro è stato utile anche per affrontare i ritardi dei lavori di Veneto Strade sulla Regionale 11 a Mira, con i conseguenti disagi per gli automobilisti e i cittadini per le code quotidiane che si creano all’altezza del cantiere.

«I ritardi sono confermati – dice l’assessore Claut – La fine dei lavori nel cantiere all’altezza del ponte sul Serraglio, passa da marzo a fine aprile. Veneto Strade si è impegnata a far pervenire al Comune, nei primi giorni di gennaio, un nuovo cronoprogramma».

(a.ab.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui