Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

RIVIERA DEL BRENTA – Fissato l’appuntamento tra sindacati, associazioni di categoria e enti

Meneghetti (Cisl): «Dobbiamo trovare una strategia per contrastare il grave fenomeno»

Dopo le festività natalizie si torna a parlare di laboratori e di legalità in Riviera del Brenta. L’incontro tra le organizzazioni di categoria, Acrib, Cgia e Cna (associazione tomaifici) e le organizzazioni sindacali sul problema, ormai diffusosi anche nel distretto calzaturiero della Riviera del Brenta dei laboratori clandestini saltato prima di Natale, è stato nuovamente fissato per il 21 gennaio. Un’ incontro molto atteso soprattutto dopo i recenti fatti di Prato che hanno messo ancora una volta in luce quanto i laboratori clandestini ed il lavoro irregolare, non solo cinesi, sia diffuso e sommerso. Massimo Meneghetti, segretario provinciale della Femca Cisl, è soddisfatto per la nuova data fissata da organizzazioni di categoria e sindacali. Proprio lui nei giorni scorsi aveva espresso molte preoccupazioni sul fatto che, dopo il rogo di Prato e la scoperta di laboratori illegali anche nel distretto calzaturiero della Riviera del Brenta, fosse calato il silenzio.

«Una cappa di silenzio e omertà» l’aveva chiamata Meneghetti dopo i nuovi blitz e le chiusure di calzaturifici cinesi, è calato il silenzio. Il distretto calzaturiero che produce scarpe per i brand più famosi, Prada, Jill Sander, Gucci, Miu Miu ma anche Armani e Lvmh occupa circa 4500 dipendenti, a tempo indeterminato.

Secondo l’Acrib ci sono almeno un centinaio di aziende cinesi che operano nel settore o, almeno, sono quelle che si conoscono mentre serve far luce su quei laboratori-alloggi clandestini che lavorano in condizioni ai limiti della dignità umana.

«La nostra linea sul problema dei laboratori clandestini non cambia – avverte Meneghetti della Femca Cisl – dobbiamo trovare insieme una strategia comune utile a contrastare il fenomeno dei “laboratori irregolari”, partendo dalle intese, già sottoscritte in passato, ma soprattutto allargando i sottoscrittori non solo tra le categorie produttive, ma anche tra le istituzioni, come prefetture, comuni, province, Regione, Guardia di finanza e Ispettorato del lavoro, per fare sistema e definire insieme un Patto Sociale e di contrasto del lavoro irregolare».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui