Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

CAORLE – Per l’associazione sarebbero in relazione al progetto del villaggio delle terme

CAORLE – Legambiente: “Minacce mafiose a Striuli”

Legambiente denuncia: “Minacce in stile mafioso a sindaco e consiglieri”.
Da settimane sono sulla bocca di tutti le minacce che i consiglieri Marco Favaro ed Alessandro Borin hanno dichiarato in Consiglio di aver subito per non far inserire nel nuovo programma di governo la «revisione, ove giuridicamente possibile, dell’intervento urbanistico delle terme». Revisione che, effettivamente, è stata stralciata dal programma. E Gianni Belloni, coordinatore dell’Osservatorio per l’Ambiente e la Legalità di Legambiente, sostiene ora che l’episodio svelerebbe come le decisioni di politica urbanistica vengano pesantemente influenzate “anche con il ricorso a minacce e a metodi genuinamente” mafiosi”.

«Malgrado le smentite del sindaco di aver ricevuto “pressioni” – afferma Legambiente – i consiglieri comunali Favaro e Borin hanno denunciato pubblicamente come dietro questo cambio di rotta vi siano state delle pesantissime minacce, anche di morte, indirizzate al sindaco e a loro stessi. Minacce che, evidentemente, hanno funzionato».

Legambiente esprime la propria solidarietà ai consiglieri comunali per aver avuto il coraggio di denunciare l’episodio, e per la volontà di mantenere l’opposizione allo «sciagurato progetto del villaggio delle terme» (un piano urbanistico da 240mila metri cubi, di cui solamente un decimo occupato effettivamente dal centro benessere).

«Noi abbiamo detto no alle pressioni e alle minacce che il sindaco ci ha riferito d’aver ricevuto, e indirizzate pure a noi – ha commentato Borin – e ci siamo opposti allo stralcio».

Striuli, dal canto suo, ha negato di aver ricevuto minacce ed ha ribadito che la modifica «si è resa necessaria per evitare la lesione di un diritto acquisito nel 2007 dal privato lottizzante e quindi per evitare una possibile causa risarcitoria di decine di milioni di euro contro il Comune. Esigenza messa in luce sia dagli uffici che dalla parte politica e che ho ben spiegato in Consiglio comunale».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui