Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

VENEZIA – Il Piano cave sollecitato dall’assessore leghista Maurizio Conte? Approvarlo sarebbe «una follia». Lo dice Davide Bendinelli, consigliere regionale di Forza Italia nonché presidente della commissione Agricoltura a Palazzo Ferro Fini. Benché collega di maggioranza, Bendinelli respinge al mittente l’invito dell’assessore Conte di accelerare l’iter per l’approvazione del Prac, il Piano regionale per le attività di cava. È vero che è stata una sentenza del Tar del Veneto, relativa a un ricorso presentato da cavatori del Veronese, a sollecitare la Regione a chiudere la partita entro un anno, ma, dice Bendinelli, il rilievo dei giudici amministrativi tiene conto della forma e non della sostanza.

«La verità – dice l’azzurro – è che non c’è bisogno di avere altra ghiaia, si può recuperare quella dei fiumi, senza contare che con i cantieri per Pedemontana, Valdastico, traforo delle Torricelle e vasche di laminazione a Trissino ci troveremo con 20 milioni di metri cubi di terra. E, con la crisi dell’edilizia che c’è, dovremo dare altre autorizzazioni ai cavatori? Privilegiare qualcuno? Spiacente, è ora di finirla con le “marchette”. Fare il Prac come vorrebbe Conte, sarebbe, per dirla in veneto, “pezo el tacon del sbrego”».

Ieri, intanto, in commissione terza sono stati ascoltati i cavatori in merito al progetto di legge 284 che disciplina l’attività di estrazione e di cui il Prac detterà l’attuazione. Roberto Fasoli, Pd, ha avvertito: la legge si fa se sarà contestuale al Prac, ma l’assessore dovrà avere i voti della sua maggioranza: «Noi vogliamo ridurre gli scavi. E non faremo da stampella».

(al.va.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui