Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Il presidente dell’Ater spiega i motivi che hanno portato al pasticcio delle case invendute

Mazzonetto rassicura: «Tra poco le nuove aste»

CRISI – Per l’Ance la riconversione energetica può rilanciare il settore

«La riconversione energetica degli edifici potrebbe essere il volano per rilanciare il settore dell’edilizia». A dirlo è il presidente dell’Ance Ugo Cavallin, che a margine della presentazione dell’accordo tra Provincia, Camera di Commercio, Confartigianato, Ance e Fondazione ClimAbita per la formazione nell’ambito della costruzione edilizia secondo i canoni dell’efficienza energetica non nasconde ottimismo verso questa nuova frontiera.

«In provincia il 70% delle abitazioni è stato costruito prima degli anni ’80, senza nessun accorgimento di risparmio energetico. Oggi lo spreco è un costo insostenibile non solo per il Paese, ma anche per le famiglie, e l’adeguamento dei fabbricati non è solo un investimento per l’immobile, ma servirebbe ad accelerare l’uscita dalla crisi dell’intero settore».

Fatti due conti si tratta di cifre a nove zeri. Nel veneziano (esclusa Venezia, San Donà e Chioggia) dai dati della Provincia che monitora le caldaie ci sono circa 200mila caldaie che alimentano altrettante abitazioni. Moltiplicata questa cifra per una spesa media d’adeguamento di un edificio stimata sui 40 mila euro, il giro totale di denaro che virtualmente muoverebbe l’ammodernamento dell’intero patrimonio immobiliare è a dir poco vorticoso.

«Con vantaggi anche ambientali – afferma l’assessore provinciale all’Ambiente Paolo Dalla Vecchia – perchè un edificio che consuma poco per essere riscaldato o raffreddato fa anche inquinare meno».

E così, per prepararsi a questa nuova frontiera dell’edilizia, ieri è stato sottoscritto l’accordo di collaborazione «che – spiega il dirigente dell’Ente camerale Romano Tiozzo – ha l’obiettivo di formare 200 “tecnici” che abbiano le competenze per progettare e realizzare un’edilizia ecosostenibile. Sia nel restauro che nel nuovo».

Per questo la Camera di Commercio ha stanziato 20mila euro per agevolare la partecipazione ai corsi per maestranze, progettisti ed amministratori di condominio, pubblicando un bando di finanziamento per la concessione di voucher per partecipare ai corsi formativi.

La scadenza per presentare le domande di erogazione dei voucher è fissata per il 28 febbraio, mentre il bando è disponibile nel sito: www.ve.camcom.gov.it.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui