Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

L’abbandono dei rifiuti lungo la bretella del Roncoduro continua ad essere un malcostume piuttosto diffuso.
È da giorni, infatti, che nel tratto compreso tra i comuni di Dolo e Fiesso fanno davvero brutta mostra una serie di sacchetti dell’immondizia abbandonati sul ciglio della strada. Lasciati lì a deteriorarsi. Talvolta, poi, capita che alcuni animali selvatici rompano questi sacchetti e trascinino il loro contenuto per diverse decine di metri.
A lamentarsi sono gli stessi residenti della zona: «Siamo stanchi di vedere questi sacchetti abbandonati sul lato della strada». Anche perché la bretella del Roncoduro, per chi esce al casello di Mirano-Dolo, è la strada che introduce alla Riviera del Brenta: «Non è un bel biglietto da visita per i turisti che vengono a visitare la Riviera vedere per prima cosa dell’immondizia abbandonata». Da quanto capito i rifiuti vengono abbandonati in orario serale-notturno, quando le possibilità di essere scoperti sono minori.
I comuni, nel corso di questi anni, in concerto con Veritas, hanno cercato di aumentare i controlli.
Ma il fenomeno sembra tutt’altro che debellato.

(g.dco.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui