Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

 

Guasto a una locomotiva Ritardi sulla Venezia-Padova

DOLO – Primo pomeriggio di ritardi ieri, lungo la linea Venezia-Padova, per un guasto ad una locomotiva che si è verificato fuori Mestre all’altezza di Dolo. Il treno Taf (Alta frequentazione) 20785 da Venezia a Rovigo, ha registrato un problema ad una locomotiva: i macchinisti avevano chiesto soccorso, ma sono alla fine riusciti a riparare il guasto, poco prima delle 16. Per fortuna in quel tratto i binari sono quattro, perché è presente quello dell’alta velocità. Dunque alcuni convogli sono stati dirottati su quest’ultima linea veloce mentre i binari erano occupati, altri invece hanno registrato dei ritardi. Quattro treni (sulla tratta Venezia Verona e Venezia Vicenza), hanno subito ritardi compresi tra i quindici e i quarantacinque minuti, mentre il treno dove si è presentato il guasto e che ha causato ritardi e rallentamenti, una volta a Padova è stato cancellato. Insomma, un pomeriggio che ha visto, ancora una volta, qualche disagio per gli utenti che tornavano dal lavoro o che si spostavano da una città all’altra. I pendolari non hanno mancato di segnalare i problemi, sbuffare, far presente che per un motivo o per l’altro, è spesso e volentieri difficile arrivare puntuali ovunque si debba andare.

(m.a.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui