Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

DOLO – Continua il fuoco incrociato contro l’attuale maggioranza del Comune e aumentano le richieste di dimissioni. Ad alimentarlo Simone Nicolè del circolo Sel “Enrico Berlinguer” di Dolo che osserva:

«Ciò che sembra chiaro a tutti è che l’amministrazione dolese è giunta al termine, con l’aggravante di lasciare in agonia la cittadinanza per l’ego che stanno manifestando sindaco e consiglieri. Atti come quelli verificatesi nell’ultimo Consiglio comunale non sono degni del nostro paese, il quale è stato dimenticato per lasciar spazio ai capricci del carroccio locale. Questa giunta ha sparato male le sue cartucce: Veneto City e le promesse di non approvarlo salvo poi ripensarci, nonché la finta lotta contro il furto dell’ospedale non sono state dimenticate. I nostri concittadini sicuramente non hanno la memoria di un pesce rosso».

Nicolè aggiunge: «Vedere sindaco e consiglieri che si danno battaglia per interessi personali senza pensare agli amministrati, restando poi assieme solo per non fare un favore all’opposizione, non è distintivo di persone cui sta a cuore la propria gente. Chiediamo un passo indietro del sindaco, consci che ormai la conclusione di questa legislatura sarà anticipata, quindi giusto il tempo di andare in primavera alle urne per non lasciare un anno Dolo, Sambruson e Arino nelle mani di un commissario prefettizio: sarebbe un evento cui nessuno vorrebbe assistere».

(l.per.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui