Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

 

I consiglieri Caccia, Seibezzi e Bonzio: «Inaccettabile, troppi regali al Porto. Il sindaco spieghi»

VENEZIA – Accordo «stravolto» per il tram a San Basilio. E la maggioranza rischia. Tamburi di guerra ieri a Ca’ Farsetti, dopo che tre consiglieri di maggioranza (Beppe Caccia e Camilla Seibezzi di In Comune, Sebastiano Bonzio della Sinistra) hanno scoperto che il Comune ha già sottoscritto con l’Autorità portuale l’Accordo di programma per l’arrivo del tram a San Basilio. C’era il mandato del Consiglio comunale e la delibera approvata dall’aula. Ma quello che ne è uscito, accusano i tre, non risponde affatto alla volontà del Consiglio. Cosa è successo?

«Sono state modificate parti strategiche dell’accordo, su richiesta dell’Autorità portuale», attacca Caccia, «e non certo su parti di secondaria importanza. Abbiamo fatto un regalo al Porto, e questo è inaccettabile».

Caccia, Seibezzi e Bonzio se la prendono con l’assessore alla Mobilità Ugo Bergamo, artefice della «trattativa» che a loro dire avrebbe penalizzato il Comune.

«Ma non è vero, leggano le carte», si inalbera l’assessore, «dal punto di vista economico abbiamo risparmiato due milioni di euro».

Carte alla mano, i tre consiglieri di maggioranza fanno l’elenco delle parti modificate.

«È sparito ogni riferimento al Pat, e il Porto si riprende spazi che erano stati conquistati dalla città», dice Caccia, «così si torna indietro di dieci anni».

Fa discutere la destinazione dei magazzini Ligabue di e degli spazi dove adesso è ospitata l’Università (Ca’ Foscari e Iuav). Non pià «attrezzature per l’istruzione» ma «per attività formative e attività portuali».

Stessa sorte per i capannoni attigui ai Ligabue, oggi occupati dalla Guardia di Finanza, da cui è sparita la dicitura «Istruzione».

Cambia anche la destinazione della vecchia stazione Marittima. Non più «servizi per il trasporto pubblico e attività commerciali e di Pubblico esercizio» ma «attività portuali».

Ancora, sparisce il progetto del garage multipiano che doveva garantire almeno il 30 per cento dei posti ai veneziani, sostituito con un parcheggio a raso che servirà soltanto al Porto per spostare lì i parcheggi sacrificati per il tram.

Infine, è stata ampliata la superficie a disposizione del terminal portuale (da 2000 a 2400 metri quadrati), autorizzata la demolizione di un magazzino, aumentato il canone da 150 a 200 mila euro anno.

«Inaccettabile», ripetono i consiglieri, «o il sindaco spiega o ne trarremo le conseguenze. Quell’area che doveva essere restituita interamente alla città torna di proprietà dell’Autorità portuale. Un accordo totalmente diverso da quello approvato dal Consiglio».

E promettono battaglia: «Non è l’applicazione di linee guida, ma un’altra cosa. E dovrà tornare in aula».

Alberto Vitucci

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui