Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

VENEZIA – Piano casa Ter, due articoli per modificare la legge.

Il primo: restituire ai Comuni la potestà di pianificare il proprio territorio.

Il secondo: si possono benissimo ridurre o azzerare gli oneri di costruzione, così da andare incontro ai cittadini, ma allora deve essere la Regione a farsi carico dell’importo da girare ai Comuni.

È questa la proposta di legge regionale che i Comuni capoluogo del Veneto presenteranno a Palazzo Ferro Fini. Dopo la riunione dei sindaci in laguna che aveva ufficializzato la contrarietà al Piano casa Ter della Regione e dopo l’impugnativa della legge da parte del Governo, ecco la proposta che arriva dai municipi. Il testo della legge è stato presentato ieri in Giunta municipale a Venezia dall’assessore Andrea Ferrazzi; una volta approvato dal consiglio comunale e poi dai consigli delle altre città, sarà girato alla Regione. Una curiosità: una proposta di modifica l’aveva già presentata il Pd. Ma i sindaci, pur dello stesso partito, si sono mossi per conto proprio.

(al.va.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui