Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Il pattugliatore d’altura Foscari della Marina Militare Italiana ha viaggiato per tutto il Mediterraneo con i motori che andavano per metà a green diesel che sarà prodotto, a partire da aprile, nella raffineria di Porto Marghera. O meglio, ha usato una nuova miscela di carburante, messa a punto dalla Marina Militare assieme all’Eni, composta al 50% da diesel bio, ottenuto da materia prima che non è in competizione con il mercato alimentare. E l’esito del primo viaggio è stato giudicato più che positivo dai vertici militari, oltre che dal punto di vista ambientale. Per i militari il nuovo carburante consente di garantire le stesse prestazioni alle navi che lo utilizzano; per quanto riguarda l’ambiente, la Marina Militare Italiana è la prima nel continente a sperimentare il green diesel, in anticipo rispetto alla scadenza europea, ma non solo: l’Europa chiede che entro il 2020 nei carburanti venga utilizzata una frazione del 10% di bio ma quello che verrà prodotto dalla raffineria di Marghera avrà ben il 50% di bio diesel.

I sindacati e l’Azienda, in proposito, si sono incontrati a fine gennaio per verificare lo stato di avanzamento dei lavori per la trasformazione della vecchia raffineria veneziana in bio raffineria e tutto sta procedendo nel rispetto dei tempi e degli accordi.

Rispetto che ieri mattina hanno chiesto anche i dipendenti di Versalis, altra azienda di Eni, riuniti in assemblea nel capannone del petrolchimico. I sindacati hanno illustrato l’accordo siglato con Versalis per la riqualificazione del Cracking e la costruzione di un nuovo impianto di chimica verde che, dagli oli vegetali e dall’etilene, ricaverà 100 mila tonnellate l’anno di materie destinate a settori ad alto valore aggiunto quali la cura della persona, detergenti, bio-lubrificanti e prodotti chimici-bio per l’industria petrolifera.

Il nuovo impianto sarà operativo dal 2018 e comporterà un investimento di 100 milioni di euro (oltre ai 100 che andranno spesi per la riqualificazione del Cracking e le manutenzioni necessarie); verrà realizzato in joint venture con l’americana Elevance Renewable Sciences. Nel frattempo da fine mese e fino al 18 agosto gli impianti di cracking e aromatici saranno fermati, Versalis assumerà 20 persone entro 18 mesi, e altre 90 a partire dal 2016 per far funzionare l’impianto “verde”; durante i prossimi 6 mesi di chiusura, infine, i lavoratori andranno in ferie o frequenteranno corsi di formazione e, solo in caso estremo, finiranno in cassa integrazione senza, però, perdere soldi.

I dipendenti ieri mattina hanno espresso preoccupazione perché già in altre occasioni Eni ha chiuso temporaneamente degli impianti che poi non ha più riaperto. Questa volta, hanno risposto i sindacati, è diverso perché c’è un piano preciso, c’è un partner straniero e ci sono gli investimenti. I lavoratori hanno chiesto, comunque, a Cgil, Cisl e Uil dei chimici di vigilare e di pretendere l’effettiva realizzazione integrale del progetto.

Elisio Trevisan

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui