Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – E’ allarme piena tra Gruaro e Teglio.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

23

feb

2014

Le abbondanti piogge hanno innalzato il livello di Lemene e Versiola, che hanno allagato le campagne. Pompe in azione.

GRUARO – Maltempo tra i territori di Gruaro e Teglio Veneto. Le piogge della notte tra venerdì e ieri hanno fatto innalzare in modo repentino, complice anche l’alta marea e il forte vento, tutti i corsi d’acqua, compresi il fiume Lemene e la roggia Versiola che in alcuni punti del territorio di Gruaro, in particolar modo, sono usciti dall’alveo, allagando i campi. Non è una situazione rischiosa, ma i dati giunti all’alba hanno fatto scattare l’allerta in tutto il territorio del Portogruarese, tanto che il Consorzio di Bonifica ha richiamato tutti i reperibili e ha attivato tutti gli impianti idrovori del territorio. In alcune zone comprese tra le località di Boldara di Gruaro e Cintello di Teglio Veneto, inoltre, alcuni canali irrigui hanno raggiunto la piena e sono minacciate persino una decina di abitazioni. Nel resto del territorio il fenomeno del maltempo sembra molto circoscritto. Le abbondanti piogge cadute nel vicino Friuli hanno creato i maggiori problemi proprio sulla fascia di confine, dove proprio nessuno si aspettava un innalzamento repentino di tutti i corsi d’acqua più importanti. Il Consorzio di Bonifica Veneto orientale ha calcolato che nella notte sono caduti 30 millimetri di pioggia, che vanno a sommarsi a tutta la pioggia dei giorni scorsi. I terreni ormai sono stracarichi di acqua e in alcuni ettari si è formato il cosiddetto effetto a cartavelina. Allagamenti in tal senso si sono registrati sui campi di Boldara, dove il Lemene è uscito dall’alveo per alcuni metri e nelle campagne comprese tra il centro di Gruaro e la frazione di Giai, dove la roggia Versiola ha invaso i terreni. Versiola che è stato il corso d’acqua che nell’emergenza maltempo ha creato i maggiori problemi a Portogruaro, con l’incredibile e imprevedibile allagamento di Borgo Sant’Agnese, episodio mai accaduto nemmeno nel ’66. Il fatto che il Versiola a Gruaro abbia allagato i campi, è stato un toccasana per Portogruaro; qui il livello dei corsi d’acqua più importanti, dal Reghena al Lemene, è ancora accettabile. Il fatto che a Gruaro però Lemene e Versiola siano usciti dai loro alvei, rende attualissimi i soliti vecchi problemi su cui si giocherà parte della prossima campagna elettorale. I corsi d’acqua che attraversano i territori non hanno argini e basta un po’ di pioggia perché allaghino i terreni, o, peggio, le case di campagna. Tra i buchi neri c’è via Ronci, strada molto spesso soggetta a chiusure proprio per allagamenti. A Cintello di Teglio Veneto tutto è sotto controllo, così come a San Michele al Tagliamento, dove nei giorni scorsi il livello del fiume Tagliamento era salito fino a 6,50 metri, poco al di sotto della soglia di pre-allarme. Il corso d’acqua alpino, piuttosto limaccioso, continua a scaricare in mare detriti che vanno a finire sull’arenile di Bibione.

Rosario Padovano

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui