Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

delegazione in visita a Mira

MIRA «Vogliamo fare della stazione di Porta Ovest un punto di snodo in cui lasciare l’auto per un accesso privilegiato a Venezia attraverso la ferrovia, per iniziare a percorrere la Riviera o il graticolato romano in bicicletta. Puntiamo alla realizzazione di un percorso in battello dalla Riviera a Venezia, con imbarchi e soste a Mira Porte, Oriago e Malcontenta. E inoltre stiamo lavorando con la Provincia e l’Istituto Regionale Ville Venete per offrire un circuito di ville che possano essere oltre che opportunità di visita al turista, anche luoghi ideali per eventi o vere e proprie esposizioni per gli operatori economici».

Questi progetti illlustrati ieri a Mira da Laura Fincato, presidente delegato del Comitato Expo Venezia, in vista dell’Expo 2015 di Milano.

«Expo 2015 sarà la grande opportunità da cogliere» ha osservato l’onorevole Fincato «per far conoscere e apprezzare la ricchezza di un territorio fatto di storia, cultura, arte, capacità produttiva, ospitalità. Sarebbe sciocco pensare di partecipare all’Expo portando a Milano le immagini delle nostre eccellenze, quando possiamo invece esporre concretamente il nostro territorio attirando qui il flusso di turisti italiani e stranieri che arriveranno in quei mesi. Per far visitare non solo la Venezia di sempre, ma anche un’altra Venezia che include un’area più vasta».

Una opportunità quindi di rilancio economico per il territorio, se saprà attirare una quota importante dei circa 20 milioni di visitatori che si prevede possano arrivare a Milano.

«Ma si dovrà soprattutto fare squadra» conclude Fincato «armonizzando e mettendo in sintonia i progetti per creare un percorso di visita che possa offrire proposte per tutta la durata della manifestazione».

(a.ab.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui