Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

SALZANO-SPINEA – Dopo i disagi del nuovo orario

SALZANO-SPINEA – Due mesi senza risposte concrete, il Comune di Salzano torna alla carica per ottenere le modifiche d’orario caldeggiate anche dai pendolari di Spinea. Con un documento inviato in settimana all’ingegnere regionale Domenico Menna, uno dei tecnici che hanno seguito la riorganizzazione dell’orario ferroviario, il sindaco Alessandro Quaresimin chiede nuovamente un incontro sottolineando i disagi lamentati da studenti e lavoratori. Alla vigilia di Natale da Salzano era partito un accurato documento, inviato a Regione e Trenitalia, con una proposta di riorganizzazione degli orari ferroviari sulla linea Venezia-Bassano. Questa riorganizzazione prevede un maggior numero di corse negli orari di punta, soprattutto tra le 7 e le 8 del mattino.

«Non chiediamo aumenti di treni e di fermate – spiegano i pendolari – Solo alcune lievi variazioni d’orario. Al mattino, per esempio, la navetta Noale-Mestre è molto più utile al minuto 11 che al minuto 48. E poi servirebbero più corse negli orari di punta al sabato. Considerate pure che a Salzano il trasporto pubblico Actv è molto carente».

A fine gennaio una delegazione di pendolari ha incontrato i vertici di Regione e di Trenitalia, ora tutti attendono novità.

«Sollecito un incontro per definire le questioni aperte legate all’orario cadenzato – scrive Quaresimin nella mail inviata pure al dirigente regionale Bruno Carli e all’assessore Renato Chisso – Ricordo che tale proposta di modifica è condivisa pure dal Comune di Spinea».

(g.pip.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui