Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Caos treni: ritardi e pendolari a terra

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

4

mar

2014

PENDOLARI A TERRA. E OGGI GRAN FINALE

Assalto di Carnevale, treni nel caos

SOLITA POLEMICA – Rimpallo Trenitalia-Comune sulle corse straordinarie

OGGI IL BIS – Si temono ulteriori disagi per il Martedì grasso

Da Treviso a Venezia vagoni strapieni, la gente non è salita. Arrivi fuori orario di 10-15 minuti

Porte dei vagoni chiuse, una folla di gente accalcata sotto le pensiline nel vano tentativo di salire. Tutto inutile. Ieri mattina alle 11.25 il treno diretto a Venezia da Treviso si è regolarmente fermato nella stazione trevigiana ma non ha fatto salire nessuno. Era tutto pieno. Impensabile stipare nelle vetture altra gente. I passeggeri a bordo già erano stretti come sardine e incavolati neri.

Il treno, partito da Trieste, è stato letteralmente preso d’assalto lungo tutta la tratta. Già a Conegliano ogni singolo posto era occupato da studenti liberi da impegni scolastici ma, soprattutto, da gente diretta a Venezia per gli ultimi giorni del Carnevale. Le Ferrovie non hanno evidentemente calcolato che in questo periodo le scuole sono chiuse e il flusso di turisti desiderosi di una passeggiata in laguna tra maschere e calli è più intenso che nel resto dell’anno.

Una volta arrivato nella stazione trevigiana, con dieci minuti di ritardo, il treno si è quindi fermato per qualche minuti ma senza aprire le porte. Contemporaneamente dagli altoparlanti sono stati diffusi inviti ad attendere il treno successivo in partenza alle 11.36. Con grande fatica e dopo qualche insistenza nel primo treno sono riusciti a salire solo quei passeggeri attesi da qualche coincidenza a Mestre. Con l’aiuto degli agenti del Polfer, per loro è stato trovato qualche piccolo spazio, rigorosamente in piedi, nelle ultime carrozze. Il resto delle persone in attesa ha dovuto riversarsi sul treno successivo. Visti i ritardi, i due convogli sono partiti contemporaneamente tra la rabbia di chi non è comunque riuscito a salire da nessuna parte.

Ma anche per il treno delle 11.36 i problemi non sono mancati: alcuni passeggeri hanno riferito che non si sarebbe fermato nelle stazioni successive, ma solo a Mestre e a Venezia. Ricostruzione che la Polfer però aggiusta, specificando che invece sono state saltate solo le fermate non inserite nell’orario di viaggio. Precisazione che comunque non placa la polemica: per molte famiglie l’arrivo a Venezia per il Carnevale si è trasformata in una piccola odissea, per non parlare dei disagi subiti da chi è stato costretto a prendere il treno per impegni di lavoro o di studio.

In stazione a Santa Lucia i disagi si sono sentiti tutti. Ieri si sono manifestati con 10 o 15 minuti di ritardo. Ma il rischio, corso nell’arco della giornata, e con ogni probabilità, ancora più oggi, martedì grasso, ultimo scampolo di Carnevale, potrebbe essere anche maggiore.

Il problema, così come si presenta praticamente ogni anno, è quello del “deflusso” dalla serata di festa. Una situazione che si è già complicata ieri, in giornata, e in particolare nel pomeriggio, per l’assenza dei cosiddetti “treni straordinari” per chi arriva da fuori città: una circostanza, peraltro, che si verificherà anche oggi. Infatti, a causa dell’afflusso maggiore verso Venezia, ma anche della concomitante presenza del flusso dei pendolari.

Un problema che riguarda esclusivamente Trenitalia, visto e considerato che il Comune attraverso Vela ha fatto quando riteneva opportuno soprattutto a cavallo dei week-end. Infatti, Ca’ Farsetti ha sostanzialmente pattuito con Treniitalia 16 treni straordinari nei fine settimana, con una spesa di circa 56 mila euro, su una tratta di andata/ritorno. Ma a chi, con ogni probabilità, dovrà “sopportare” il maggiore afflusso/deflusso sarà probabilimente il servizio metropolitano di Actv che ieri è stata chiamata a rinforzare il servizio aumentando le corse, soprattutto serali e notturne, in “uscita” da Piazzale Roma verso Mestre, la cintura urbana e località limitrofe come Mirano, Dolo e Chioggia-Sottomarina, anche con il richiamo in servizio di un ventina di autisti.

 

FERROVIE IMPREPARATE

Molti studenti in “ferie” volevano andare a Venezia

VIAGGIO DA INCUBO – Un convoglio non può aprire le porte e il successivo salta le fermate

Vagoni strapieni: rabbia e ritardi

Ressa alla stazione tra i passeggeri diretti al Canervale di Venezia, la Polfer riporta a fatica la calma

Porte dei vagoni chiuse, una folla di gente accalcata sotto le pensiline nel vano tentativo di salire. Tutto inutile. Ieri mattina alle 11.25 il treno diretto a Venezia, si è regolarmente fermato nella stazione trevigiana ma non ha fatto salire nessuno. Era tutto pieno. Impensabile stipare nelle vetture altra gente. I passeggeri a bordo già erano stretti come sardine e incavolati neri.

Il treno, partito da Trieste, è stato letteralmente preso d’assalto lungo tutta la tratta. Già a Conegliano ogni singolo posto era occupato da studenti liberi da impegni scolastici ma, soprattutto, da gente diretta a Venezia per gli ultimi giorni del Carnevale. Le Ferrovie non hanno calcolato che in questo periodo le scuole sono chiuse e il flusso di turisti è più intenso che nel resto dell’anno.

Una volta arrivato nella stazione trevigiana, con dieci minuti di ritardo, il treno si è quindi fermato senza aprire le porte. Contemporaneamente dagli altoparlanti sono stati diffusi inviti ad attendere il treno successivo in partenza alle 11.36. Con grande fatica e dopo qualche insistenza, nel primo treno sono riusciti a salire solo quei passeggeri attesi da qualche coincidenza a Mestre. Con l’aiuto degli agenti del Polfer, per loro è stato trovato qualche piccolo spazio, rigorosamente in piedi, nelle ultime carrozze. Il resto delle persone in attesa si è dovuta riversare sul treno successivo. Visti i ritardi, i due convogli sono partiti contemporaneamente tra la rabbia di chi non è comunque riuscito a salire da nessuna parte.

Ma anche per il treno delle 11.36 i problemi non sono mancati: alcuni passeggeri hanno riferito che non si sarebbe fermato nelle stazioni successive, ma solo a Mestre e a Venezia. La Polfer però corregge: a saltare sarebbero state solo le fermate non inserite nell’orario di viaggio. Ma la polemica resta: per molte famiglie il tentativo di raggiungere il Carnevale si è trasformato in un’odissea. Per non dire di chi è stato costretto a prendere il treno per impegni di lavoro o di studio.

Paolo Calia

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui