Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

GUERRA MEDIATICA – Dopo l’acquisto da parte di Vtp di pagine sui quotidiani, il Comitato No grandi navi accusa la società di giocare sulle paure dei lavoratori

Non è ovviamente passata inosservata la campagna di comunicazione fatta da Venezia terminal passeggeri a suon di pagine acquistate sui quotidiani locali e nazionali. Questo per mostrare “che se per il 2015 entreranno in vigore i divieti stabiliti dalla Capitaneria di porto saranno persi molti posti di lavoro”, come ha detto il presidente Sandro Trevisanato. Le inserzioni a pagamento, per far pressione sul nuovo Governo a modificare la misura , state precedute di pochi giorni dall’uscita del libro di Bruno Bernardi, Antonio Forza e Rino Rumiati “Venezia, un’invisibile battaglia navale”.

Immediata la reazione del Comitato No grandi navi.

«Si tratta di una pubblicità ingannevole, che dovrebbe essere perseguita a norma di legge – si legge nell’ultima nota inviata – volta a creare un clima di paura basato sulla disinformazione proprio ora che un processo democratico di comparazione sembra prendere le mosse secondo l’ordine del giorno votato al Senato lo scorso 6 febbraio».

Il Comitato parla di “dati fantasiosi sull’occupazione”, ribadendo che nessuno vuole una chiusura totale della città alla crocieristica, ma l’estromissione delle navi più grandi.

«L’unico significato di questa vergognosa campagna pubblicitaria – aggiungono i No navi – porta alla luce come una società ad ampia partecipazione pubblica come Vtp non voglia il confronto, ma badi esclusivamente di massimizzare le proprie rendite di breve periodo.

Ancora una volta – conclude il Comitato – si gioca sulla paura degli addetti di perdere il lavoro. Paura che ha un suo fondamento proprio nell’assenza di programmazione a lungo termine di Vtp, nella sua cecità di fronte all’irrompere del gigantismo delle navi».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui