Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Martellago. M5S spara a zero sul Pat.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

7

mar

2014

MARTELLAGO – Il sindaco Barbiero respinge le accuse: «È tutto in regola: il documento è efficace»

Il movimento: «Gonfiate le aree edificabili, il Piano va rivisto»

«Il Pat è in regola». L’amministrazione difende il suo operato rispondendo all’interpellanza del M5S, che chiede la revisione dello strumento urbanistico, sostenendo che il calcolo della Superficie Agricola Utilizzata è stato gonfiato con ben 186 aree non agricole, e conseguente raddoppio della superficie ammessa a nuove edificazioni, e gridando allo spreco, oltre che di suolo, di danaro pubblico per i «141mila euro spesi per un Pat sbagliato».

Ma nella risposta il sindaco Barbiero chiarisce che «non saranno assunte iniziative di ridefinizione della Sau: nel Piano Interventi (di cui sono stati appena prorogati al 28 marzo i termini per le manifestazioni d’interesse, ndr) saranno valutate le trasformazioni del territorio, nel rispetto delle sue caratteristiche e degli obiettivi del Pat».

Il sindaco ricorda che sulla Sau l’Amministrazione aveva già dato i chiarimenti richiesti dal Comitato Pro Complanare e che i loro esposti avevano già comportato una riflessione sulla sua determinazione e portato, su input della Provincia, a una rideterminazione del calcolo, con lo stralcio delle aree della ferrovia dei Bivi e ritocco della superficie trasformabile in 175.208 mq. «In tutto l’iter sono state prese in esame le varie istanze, a conferma della correttezza delle procedure, validate dagli Enti superiori, Provincia e Regione. Procedere ad altri ricalcoli è ridondante: il Pat è efficace» continua la risposta. Dove si spiega anche che la possibilità di escludere i fiumi dalla superficie comunale, altro punto controverso, è prevista dalla legge e che non si configurano sprechi di danaro pubblico: «la spesa per il Pat è stata preventivata sui tariffari in vigore e la redazione si è chiusa positivamente».

I grillini però non sono affatto soddisfatti di tali spiegazioni, restano fermi nelle loro tesi, trasformeranno l’interpellanza in mozione, stanno organizzando vari banchetti informativi e minacciano esposti. E oggi alle 21 la capogruppo Barbara Simoncini ribadirà che «i conti sul Pat non tornano» anche nella trasmissione di Reteveneta “Focus”.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui