Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

MARTELLAGO – «Non siamo contrari a partire, ma le cose devono essere chiare».

Il sindaco, Monica Barbiero, precisa la sua posizione sull’Unione dei Comuni del Miranese, al centro nei giorni scorsi di un nuovo summit a Martellago con i colleghi di Noale, Mirano, Spinea, Salzano e S. Maria di Sala (mancava solo Scorzè, chiamatosi fuori da tempo).

Martellago chiede di approfondire alcuni nodi, oggetto della riunione. «I miei colleghi non erano qui per convincermi, anzi, l’incontro è stato sollecitato da me. Il nostro Comune crede nell’Unione, non siamo contrari a partire e bisogna andare verso l’approvazione dello Statuto, ma prima vanno messi a posto 2-3 tasselli e compiuti determinati passaggi: vogliamo che sia tutto chiaro, che si capisca bene dove andremo a parare» spiega Barbiero, entrando nel nocciolo del problema.

«Abbiamo la necessità di definire nel concreto e di capire i costi, l’organigramma e l’organizzazione», con la questione del personale e dei servizi unificati come la polizia locale. «Si tratta, poi, di un passo importante che impone percorsi interni adeguati, che certo siamo chiamati a compiere velocemente per arrivare all’approvazione dello Statuto, ma che vanno fatti – conclude Barbiero – Presto convocheremo un’altra Commissione Statuto dove ci confronteremo ancora ed entreremo nel merito delle nostre valutazioni e poi parleremo alla gente perché io devo delle informazioni ai miei cittadini».

Nicola De Rossi

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui