Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Meolo. “Autostrada rovina del territorio”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

13

mar

2014

Meolo, Piovesan (Pd): Chisso blocca tutti i piani di sviluppo commerciale

MEOLO «Un’autostrada chiusa come la via del Mare potrebbe mettere in dubbio la fattibilità dei vari accordi commerciali e turistici, comel’Agrivillage».

A lanciare l’allarme è il Partito Democratico di Meolo, a pochi giorni dalla presentazione in municipio del progetto di un villaggio dei prodotti tipici e artigianali, che potrebbe sorgere lungo la Treviso Mare. Ma quest’ultima arteria, nei piani della Regione, è destinata a essere trasformata in una superstrada a pagamento verso Jesolo e questa circostanza, secondo i democratici, potrebbe danneggiare eventuali investimenti economici, limitandone l’accessibilità alle aree. Per giungere al completamento dell’iter burocratico della via del Mare ormai manca solo l’aggiudicazione del bando per la progettazione definitiva e la sua realizzazione.

«Chiediamo al sindaco di farsi rappresentante degli interessi e delle istanze dei meolesi », dice il segretario democratico Giampiero Piovesan, «richiedendo alla Regione, prima dell’aggiudicazione, il piano finanziario della via del Mare. È una richiesta lecita e doverosa. L’opera infatti avrà un’incidenza pesantissima sulle vite dei cittadini e i destini delle nostre imprese».

Secondo i democratici, conoscere il piano finanziario del progetto servirà per capire se le basi su cui poggia l’opera siano effettivamente sostenibili «oppure se il sistema che sorregge il progetto è assimilabile a quello dei tanti progetti di finanza a carico del contribuente e dell’ente pubblico».

«Sarebbe davvero assurdo che i cittadini dovessero pagare, attraverso il pedaggio, una strada che è già di loro proprietà», conclude Piovesan, «visti i buoni rapporti che Basso ha con alcuni assessori regionali, siamo convinti che otterrà in tempi brevi, anche se sempre troppo tardi per Meolo, una risposta ai nostri quesiti ».

Giovanni Monforte

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui