Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

S.M. DI SALA – Continua la protesta dei “piccoli” negozi al centro commerciale Prisma

Negozi aperti a luci spente anche domani al “Prisma” di Caselle di Santa Maria di Sala. «E lo sarà anche domenica 23 e l’altra ancora, e ancora, ancora, ancora – precisa l’ottico Otello Calzavara a nome dei nove piccoli negozi (bar compreso) all’interno del Centro commerciale – Fino a che non troveremo un compromesso con i quattro negozi più grandi, che dettano legge pretendendo che noi si rimanga dietro un banco 350 giorni l’anno. È inaudito!».

I “grandi”, infatti, esercitano la facoltà di tenere aperto tutte le domeniche come gli consente la Legge sulle liberalizzazioni degli orari di lavoro.

«Per per loro – sostengono i “piccoli”- è facile, perché fanno lavorare a turno il personale dipendente, anche se lo stesso non è per niente entusiasta di lavorare di festa. Noi però siamo a conduzione familiare, come facciamo? Dobbiamo passare 350 giorni l’anno dietro al banco? E la famiglia quando la vediamo? Due passi in compagnia non li possiamo più fare, i figli devono andare a messa sempre con i nonni. Una gita in campagna o in città? Basta, chiuso. Ma sappiamo cosa stiamo proponendo adottando la liberalizzazione delle aperture domenicali e festive dei negozi?»

I grandi hanno “imposto” la loro volontà: «A testimoniare la legalità di queste prese di posizione ci sono i verbali delle riunioni – ribatte Calzavara – ma le delibere vengono approvate a metro, cioè chi ha più superficie di vendita ha più potere e decide per tutti».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui