Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Mose, corsa per finire i lavori

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

17

mar

2014

Ma il Consorzio Venezia Nuova precisa: «Interventi conclusi entro il 2016»

«Si intende precisare che le opere relative ai sistema Mose saranno ultimate entro il 2016. Il cronoprogramma, ad oggi, sarà rispettato».

Il Consorzio Venezia Nuova smentisce che i tempi, ancora una volta, slitteranno per i lavori del sistema che deve limitare le acque alte in laguna così come è accaduto per il 2010 (era la promessa dell’allora ministro dei Lavori pubblici Pietro Lunardi) e per il 2011 (era la previsione dell’allora presidente del Consiglio Silvio Berlusconi). Ma c’è quel «ad oggi», che impone cautela, anche perché nello stesso comunicato si legge che «la tempistica per la realizzazione di alcuni impianti, strumentazioni di telecontrollo, interventi architettonici finali sarà ancorata ai procedimenti di gara che, come noto, non permettono una perfetta programmazione, sia a causa di possibili ricorsi da parte dei partecipanti sia per il rallentamento avvenuto nella pubblicazione per motivi di disponibilità finanziaria».

A far ritenere presumibile lo slittamento della scadenza del 2016 sono state le stesse dichiarazioni del direttore del Consorzio, l’ingegner Hermes Redi, che ha affermato: «Il rimbalzare dei finanziamenti, tolti per qualche mese e poi restituiti, ci ha costretti a spostare in avanti delle gare relative a strumentazioni e impianti. Alcune di esse dovevano essere bandite a novembre e invece siamo riusciti a farlo solo nei giorni scorsi, quando il ministero, attraverso il Magistrato alle Acque, ha firmato la convenzione aggiornata che ha previsto le coperture».

E poi, basta un esempio, quello della gara per la costruzione delle paratoie tra l’Isola Nuova e San Nicolò: l’apertura delle buste era prevista per il luglio dello scorso anno e, invece, l’operazione si è conclusa solo il 20 gennaio 2014, sei mesi dopo. Il 17 febbraio scorso è stato pubblicato il bando di gara per la costruzione delle paratoie della bocca di porto di Malamocco: sono 21 e vengono ipotizzati 850 giorni perché siano consegnate. L’ apertura delle buste è prevista per il 16 aprile. Se si aggiungono gli 850 giorni si arriva alla metà del mese di agosto del 2016, ma non è difficile ritenere che possa accadere ciò che è successo per le paratoie di San Nicolò e allora bastano pochi mesi per far slittare la data del fine lavori, anche perché le paratoie vanno sistemate e collaudate. Ecco, dunque, che quel «ad oggi» è fondamentale; insomma, la data del 2016 è garantita se tutto fila liscio, ma nessuno crede che sarà così, probabilmente anche lo stesso direttore del Consorzio.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui