Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Dieci treni cancellati, una quindicina di corse in ritardo e centinaia di pendolari furiosi. Un’altra mattinata da dimenticare per studenti e lavoratori che si servono della linea ferroviaria Bassano-Venezia, questa volta i disagi all’ora di punta sono stati provocati da un guasto tecnico al sistema di distanziamento dei freni. Il problema si è verificato tra Castelfranco Veneto e Castello di Godego, nel Veneziano le ripercussioni sono state soprattutto nel Miranese. La linea passa infatti le stazioni di Noale, Salzano, Maerne e Spinea. Sindaci e comitati chiedono da dicembre un miglioramento degli orari: risposte concrete non sono ancora arrivate, in compenso ecco l’ennesima giornata di passione. Il guasto si è verificato alle 5.50, sono subito scattati i protocolli di sicurezza e i treni sono stati costretti a viaggiare a velocità ridotta.

«I tecnici hanno riattivato la piena funzionalità della linea e il traffico ferroviario è ripreso con regolarità alle ore 10.10 – ha fatto sapere Ferrovie dello Stato con una nota -. Sei regionali sono stati cancellati sull’intero percorso e quattro parzialmente, 14 treni hanno viaggiato con ritardi fino a 50 minuti».

In realtà secondo i pendolari si è andati pure oltre, il comitato salzanese parla di 92 minuti di ritardo per il treno in partenza alle 6.25 da Bassano.

«Cancellate le navette Noale-Mestre delle 6.48 e 7.48, solo il treno per Venezia delle 7.31 è partito regolarmente. La situazione è critica» si legge nella pagina Facebook del comitato. I disagi maggiori si sono dunque verificati tra le 7 e le 8 per chi dal Miranese doveva raggiungere Venezia, ma rallentamenti e cancellazioni ci sono stati ovviamente pure per la tratta inversa. I disagi sono sentiti soprattutto a Salzano, visto lo scarso collegamento Actv con Venezia rispetto ad altri Comuni del Miranese. La rabbia esplosa ieri si somma a quella di venerdì scorso, in occasione dello sciopero generale: «Siamo stati rimbalzati da un treno all’altro tra annunci strambi che davano in partenza treni poi mai partiti – scrive sempre il comitato -. Lo sciopero doveva finire alle 17 ma il primo treno della nostra linea è partito da Venezia alle 18.30». Un film già visto troppe volte negli ultimi mesi.

Gabriele Pipia

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui