Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Sigilli a laboratorio tessile cinese

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

24

mar

2014

 

Zianigo. Sequestro preventivo per carenze sulla sicurezza. Titolare denunciato.

ZIANIGO – Lavoravano a tutte le ore del giorno e anche di sera all’interno di una palazzina, come se nulla fosse. Ma il problema era il luogo in cui lo facevano, che era tutto meno che sicuro. Accadeva a due passi dal centro di Zianigo, in una zona per nulla appartata, anzi lungo la principale strada di passaggio, via Scortegara. Sopra una sala prove per musicisti e gruppi, sotto una palestra e centro fitness, frequentata ogni giorno da decine di sportivi da ogni parte del Miranese. Di fronte, di là della strada, una farmacia e alcune abitazioni. In mezzo un opificio tessile dove lavoravano, senza orario, alcuni cinesi, in locali completamente fuori norma sotto il profilo della sicurezza.

Nei giorni scorsi i carabinieri del Nucleo ispettorato del lavoro di Venezia hanno messo i sigilli all’attività, sottoponendo a sequestro preventivo il laboratorio in attesa di ulteriori decisioni a riguardo da parte dell’autorità giudiziaria. L’opificio non era clandestino, ma violava la legge sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, il nuovo decreto 81 del 2008. I militari dell’Arma l’hanno individuato dopo che nei mesi scorsi era partita una vera e propria offensiva contro laboratori cinesi in tutta Italia, successiva alla tragedia di Prato, dove morirono diversi operai asiatici. A Zianigo erano in sette a lavorarci, tutti cinesi, regolari in Italia: erano lì da mattina a sera, tra telai e macchine da cucire. Mancavano però all’interno del locale almeno una decina di prescrizioni legate alla normativa sulla sicurezza nei posti di lavoro. Così i carabinieri hanno messo i sigilli al laboratorio, interrompendone l’irrefrenabile attività. Secondo i carabinieri sono diverse le carenze sulla sicurezza da ricondurre alla violazione dell’articolo 81 del decreto legislativo del 2008, dai presidi antincendio alle procedure di evacuazione, passando per i materiali utilizzati e lo spazio utilizzato per operare. È stato pertanto disposto il sequestro dell’appartamento, che tuttavia è preventivo, volto cioè a prevenire eventuali pericoli per gli occupanti e anche per le altre attività site nella palazzina. In pratica le condizioni di sicurezza in cui i cinesi lavoravano all’interno del laboratorio erano tutto fuorché sicure. Il titolare, anch’egli di nazionalità cinese, è stato denunciato. Il laboratorio si trova tutt’ora sotto sequestro.

Filippo De Gaspari

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui