Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

TRASPORTI

CERESER  «Scelto il progetto meno costoso. Gettati via già 10 milioni»

BERTONCELLO  «Valutare subito tempi e attuazione dei nuovi investimenti»

ALTA VELOCITÀ Scelto il potenziamento della linea attuale. Silvia Conte (Quarto): «Meglio tardi che mai»

«Tav, accolte le nostre richieste»

Soddisfazione per l’abbandono del tracciato litoraneo

«Finalmente!». La notizia del definitivo abbandono del tracciato litoraneo della Tav è accolta dai sindaci del Veneto Orientale con un’esclamazione. È un coro di soddisfazione, ma anche di prudenza, dopo l’incontro a Roma tra il ministro alle Infrastrutture, Maurizio Lupi, il presidente del Veneto Luca Zaia, la presidente del Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani, il commissario straordinario per la Tav Venezia-Trieste Bortolo Mainardi, e l’amministratore delegato di Rfi Michele Mario Elia. Un incontro che ha sancito il definitivo addio al costosissimo progetto litoraneo dell’alta velocità ferroviaria, voluto della Regione Veneto fin dal 2006, ma osteggiato da tutto il territorio.

«Dopo anni di soldi buttati, e si parla di oltre 10 milioni di euro già spesi – commenta il sindaco di San Donà Andrea Cereser -, si è finalmente optato per il progetto meno costoso di ammodernamento della linea storica che sicuramente dovrebbe risolvere il problema dei trasporti ferroviari veloci per almeno alcune decine di anni. Comunque, in questo momento il problema più urgente è la definitiva soluzione della metropolitana superficie».

Bisogna ricordare, a questo proposito, che per il progetto di ammodernamento in funzione alta velocità della Venezia-Trieste il ministro Lupi ha proposto di investire 1,8 miliardi di euro. «Dopo anni di interminabili discussioni – commenta il sindaco di Portogruaro, Antonio Bertoncello – si è finalmente abbandonato un progetto che nessuno voleva accogliendo le istanze del territorio. Ora però è necessario valutare il nuovo progetto, tempi e modalità di attuazione».

Sulla stessa lunghezza d’onda Silvia Conte e Simonetta Rubinato, prime cittadine di Quarto d’Altino e Roncade: «Apprendiamo con sollievo che le nostre richieste sono state finalmente accolte. Governo e Regione si sono orientati sull’ipotesi di ammodernamento della linea ferroviaria, come chiedevamo dal 2011. Meglio tardi che mai – osservano le due prime cittadine -. Non si può continuare con la logica delle grandi opere e gettare denaro pubblico per progetti costosi e calati sulle teste delle comunità locali. In ogni caso confidiamo che ci venga fornita la documentazione in merito al progetto per capirne meglio costi e benefici, anche per chiarire se servirà per lo spostamento delle merci o delle persone».

 

NORDEST – Tav, il tracciato sarà quello “parallelo” niente località di mare

Alta velocità, spinta da 1,8 miliardi

Archiviato il progetto che collegava Venezia a Trieste attraverso le località balneari

Alta velocità ferroviaria. Va in archivio il progetto che puntava a collegare Venezia a Trieste passando per le località balneari del Veneto (costo previsto, 7,4 miliardi). Ufficialmente, e finalmente, «dopo mesi di presidio attivo da parte del nostro assessore Renato Chisso» (il plauso è del governatore veneto) da oggi al ministero delle Infrastrutture si parla di un’unica soluzione: il futuro tracciato sarà quello affiancato all’attuale linea. Nulla di più di quanto avevano deciso, nel 2013, le Giunte regionali di Veneto e Friuli Venezia Giulia.

Il riconoscimento del progetto «più rapido, meno devastante per il territorio e più economico» (giudizio di Luca Zaia) è avvenuto ieri a Roma, dove il ministro Maurizio Lupi, confermando quanto annunciato giorni fa al Gazzettino, ha convocato i due presidenti di Regione (Debora Serracchiani e Zaia, appunto), il commissario per l’alta velocità a Nordest, Bortolo Mainardi e i responsabili Rfi. Al termine del confronto, la buona notizia: in attesa che si definisca la progettazione, ad opera di Rfi, del nuovo tracciato da dedicare ai treni superveloci, è disponibile un miliardo 800 milioni per ammodernare l’attuale linea. Più nel dettaglio: 700 milioni per la Mestre-Ronchi dei Legionari e quasi un miliardo per lo studio di una nuova soluzione di linea tra Ronchi dei Legionari e Trieste.

L’obiettivo a breve termine è quello di utilizzare il finanziamento annunciato ieri per rendere più moderna la linea esistente, superando storici “imbuti” che impediscono una rapida circolazione dei convogli. Considerando che l’utilizzo è lontano dalla saturazione. Un particolare sul quale Veneto e Friuli Venezia Giulia hanno concordato, dopo aver analizzato le relazioni mensili fatte dal commissario Mainardi (il suo mandato scade il 31 marzo; sarà riconfermato?: «No so, di certo la Serracchiani è contraria» risponde). Certo, e Lupi è stato chiaro, l’alta velocità va fatta, ma per gradi dopo che i binari esistenti saranno usati a pieno regime e con tecnologie avanzate. Gli interventi sull’attuale linea sono funzionali alla velocizzazione dei convogli. Zaia e la Serracchiani: «Raggiungeranno i 200 chilometri orari su tutta la tratta. Portando il tempo di percorrenza a un’ora e quindici minuti contro le abbondanti due ore attuali».

La progettazione dell’alta velocità affiancata all’attuale, avrà due fasi: Rfi deve presentare il progetto preliminare della tratta Mestre-Portogruaro, poi lo studio di fattibilità Portogruaro-Ronchi dei Legionari. Lupi ha anche concordato che per il tanto dibattuto collegamento Mestre-aeroporto Marco Polo, la soluzione è quella che prevede una bretella ferroviaria (costo 220 milioni), contrariamente al suggerimento di Enrico Marchi, presidente Save (società che gestisce lo scalo veneziano (8 Km in galleria, costo ipotizzato 700 milioni, e due a cielo aperto).

Un’altro risultato positivo dell’incontro romano, Zaia lo individua «nello sblocco della progettazione del tratto alta velocità Verona-Padova». Finora tutto era bloccato dalle polemiche per l’attraversamento del nodo di Vicenza (tunnel, tracciato lontano dal centro con relativo collegamento con navette su ferro). Per questo, il governatore veneto, annuncia il coinvolgimento del sindaco Achille Variati per trovare una soluzione concordata.

«Un sollievo, le richieste di noi sindaci di abbandonare il tracciato litoraneo sono state finalmente accolte, e soprattutto governo e Regione Veneto si sono orientati sull’ammodernamento della linea esistente Venezia-Portoguaro, come i nostri consigli comunali chiedevano dal 2011». Così, Silvia Conte e Simonetta Rubinato, prime cittadine di Quarto d’Altino e Roncade. «La decisione – dicono – dimostra che non si può continuare con la logica delle grandi opere a prescindere e gettare denaro pubblico per progetti costosi e calati sulle teste delle comunità locali».

Giorgio Gasco

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui