Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Venezia. Il caos del treno che non c’e’

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

31

mar

2014

Ancora problemi sulla Venezia-Portogruaro: bus strapieno, pendolari a terra di notte

PROTESTE – Furiosi i comitati: «La situazione è vergognosa Regione assente»

SAN DONA’ – Ancora un disservizio con le corse sostitutive del treno delle 0.20 da Venezia

I bus non bastano: pendolari a piedi

Autobus insufficienti e venti pendolari a piedi anche sabato notte. Tornano a protestare i Comitati dei Pendolari del Veneto Orientale e di Quarto d’Altino per un nuovo disservizio di Trenitalia. Entrambi i Comitati chiedono a gran voce il ripristino del treno delle 00.20, poiché gli autobus sostitutivi non riescono a contenere tutti i pendolari e criticano l’indifferenza con cui la Regione Veneto ha accolto queste richieste.

L’ennesima difficoltà per l’utenza si è verificata sabato notte. Tutti occupati i 50 posti del bus in partenza da piazzale Roma alle 00.20 per Portogruaro. «Il bus parte con alcuni utenti in corridoio – riferiscono i pendolari- lascia a terra una ventina di persone. A Mestre alle 00.35 c’è diversa gente che aspetta di salire e l’autista richiede un rinforzo. All’1.30 arriva un pulmino da 20 posti, diverse persone viaggiano in piedi. I due automezzi partono un’ora dopo l’orario previsto ma nessuno pensa alla ventina di persone rimaste a terra a Venezia».

Per i Comitati dei Pendolari si tratta di una situazione «vergognosa, ormai è ripetitivo ricordare che gli unici responsabili sono il Presidente della regione Luca Zaia e l’assessore alla Mobilità Renato Chisso, muto, cieco e assente. Prima dell’entrata in vigore dell’orario cadenzato, amministratori locali e Comitati avevano fatto presente il necessario ripristino del treno. Siamo stati presi per venditori di fumo, mentre i fatti confermano che non parlavamo di aria fritta. Nonostante dica di rappresentare il popolo veneto Zaia si è dimostrato disinteressato e non curante dei problemi, lasciando tutto in mano a Chisso che non sa far fronte alla situazione e non ci riceve, precludendo un confronto costruttivo».

Secondo i pendolari nel corso della bella stagione questi disagi si ripeteranno. «È il fallimento. Chisso e Zaia prendetevi le responsabilità di quanto accade, siete pagati con i soldi nostri. E risparmiate il fiato per dire che «state lavorando». Bastava lasciare il treno che ingiustamente avete tolto. Abbiamo ampiamente dimostrato che il suo ripristino è improrogabile».

Davide De Bortoli

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui