Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Mira “cede” e dice si’ all’Idrovia

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

9

apr

2014

GRANDI OPERE – Salvaguarderà il territorio della Riviera dalle piene di Brenta e Bacchiglione

Dopo la fumata bianca la Conferenza dei sindaci chiede alla Regione di promuovere il progetto

L’amministrazione comunale di Mira dice sì al completamento dell’Idrovia Padova-Venezia. Tra i dieci Comuni della Riviera del Brenta mancava solo il consenso del comune più esteso, più popoloso e più importante del territorio.
Gli aspetti tecnici sono ancora tutti da definire, ma per il momento si tratta di un grande passo avanti verso la realizzazione dell’opera. Alla terza riunione della Conferenza dei dieci sindaci della Riviera del Brenta, Mira è “capitolata” e ha votato a favore del progetto.
I dieci primi cittadini, convocati dal presidente e primo cittadino di Camponogara, Giampietro Menin, hanno sottoscritto un documento unitario che è stato inviato al presidente della Regione, Luca Zaia, affinché lo stesso si faccia promotore dell’iniziativa presso il presidente del Consiglio, i ministri dell’Ambiente, dell’Economia e delle Finanze.
Ecco alcuni passaggi del documento: «La Conferenza dei sindaci della Riviera del Brenta ha constatato come ancora una volta molti Comuni del Padovano e del Veneziano hanno vissuto l’incubo dell’alluvione. L’ipotesi di portata di 350 metri cubi d’acqua al secondo dell’idrovia non è sufficiente per garantire la sicurezza idraulica del Brenta e Bacchiglione, ce ne vorrebbero almeno 400. La soluzione idroviaria proteggerebbe comunque i territori del Padovano e del Veneziano dalle grandi piene del Brenta e del Bacchiglione».
La Conferenza dei sindaci della Riviera del Brenta chiede «di tenere nella massima considerazione la gravità del rischio idraulico che interessa le persone, i beni e le pregevoli attività del territorio interessato dal sistema Brenta-Bacchiglione ad est di Padova, di considerare inoltre che per accedere ai finanziamenti del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2014-2020 è necessario presentare il progetto entro la fine del 2014».
Nel documento si chiede altresì di «procedere con urgenza alla convocazione della Conferenza dei Servizi in forma esecutiva dello studio di fattibilità dell’Idrovia Padova-Mare al fine di effettuare un esame contestuale degli interessi pubblici coinvolti, che tenga in considerazione gli aspetti ecologici e paesaggistici del territorio, comprese le unicità della Laguna di Venezia».

Vittorino Compagno

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui