Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Lo chiede il Pd dopo la richiesta di rinvio a giudizio dell’impresa Mestrinaro: tuteliamo i cittadini

MEOLO  «Non possiamo permettere che Meolo non venga considerata: chiediamo nuovi controlli puntuali». Il Partito Democratico riaccende la discussione riguardo al timore che anche nei cantieri per la terza corsia attivi sul territorio di Meolo possano essere stati impiegati materiali inquinati. Circostanza che un anno fa era stata smentita da Autovie. A riportare la questione in primo piano è la notizia che il Tribunale di Venezia ha fissato per il 18 aprile l’udienza preliminare per esaminare la richiesta di rinvio a giudizio nei confronti dei titolari dell’impresa Mestrinaro di Zero Branco. Secondo l’accusa, la Mestrinaro non avrebbe trattato in modo adeguato i rifiuti inquinanti che le aziende edili le conferivano. I materiali sarebbero stati miscelati tali e quali a calce e cemento e quindi rivenduti finendo per fare da base ad alcune grandi opere. Il composto contaminato, denominato «Rilcem», sarebbe stato utilizzato in grandi quantità per realizzare un parcheggio dell’aeroporto Marco Polo e nel tratto in costruzione della terza corsia all’altezza di Roncade. Dunque proprio a ridosso di Meolo. Già ad aprile dello scorso anno, il Pd di Meolo aveva chiesto di verificare se materiale inquinato potesse essere stato impiegato anche nella zona di Meolo. «Il sindaco Basso si attivò grazie al nostro intervento ricevendo da Autovie rassicurazioni e smentite. Quindi per il sindaco la questione finì così», attacca Giampiero Piovesan, segretario del circolo democratico di Meolo, «adesso si è venuti a conoscenza della richiesta di rinvio a giudizio e la preoccupazione tra i cittadini sale. Il Pd si attiverà con chi di dovere e competenza per chiedere le verifiche del caso. I cittadini dovranno essere tutelati,come il nostro territorio». Intanto, nell’ambito dei lavori per la realizzazione della terza corsia, l’A4 sarà chiusa dalle 20 di stasera alle 6 di domani mattina in direzione Venezia, nel tratto compreso tra SanDonà- Noventa e l’allacciamento A4-A57 tangenziale di Mestre. Lavori di manutenzione dell’asfalto sono in programma, invece, dalle 14 di domani alle 7 di venerdì nel tratto tra San Giorgio di Nogaro e Portogruaro, per circa tre chilometri in direzione Venezia. Dalle 16 di oggi alle 7 di domani, sulla tangenziale di Mestre, sarà chiusa la rampa di uscita dello svincolo di Quarto d’Altino per i veicoli provenienti dalla barriera di Venezia Est e quella in entrata in direzione Venezia.

Giovanni Monforte

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui