Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Supermercati aperti a pasqua

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

9

apr

2014

Sit-in dei commessi, mentre Billa taglia i salari

PADOVA – Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl ed Uiltucs-Uil, ossia i sindacati di categoria del settore commercio, sono già sul piede di guerra per costruire, nella prossima settimana, delle manifestazioni di protesta contro l’apertura di alcuni supermercati Billa, preannunciata anche per Pasqua, il 20 aprile. Già nei prossimi giorni le strutture regionali dei tre sindacati, guidati da Adriano Filice, Maurizia Rizzo e Luigino Boscaro, deciderannoquando edove tenere i sit-in di protesta sia contro il colosso tedesco Billa Rewe, con sede centrale a Colonia, in Germania, sia contro le altre società della Grande Distribuzione, che dovrebbero decidere, all’ultimo momento, di aprire anche nella giornata riservata alla celebrazione della Resurrezione del Signore. «Questa volta la lotta contro il Gruppo Billa, che nel Veneto ha deciso di tenere aperti 21 punti-vendita, avrà un valore ancora più significativo rispetto agli ultimi anni, perché l’azienda tedesca ha già annunciato di voler disdire, in tutta Italia, l’intero contratto di secondo livello» spiega Maurizia Rizzo, che guida la Fisascat regionale. «In pratica, a partire dal primo maggio, i lavoratori e le lavoratrici dei supermercati, ogni mese, in busta paga riceveranno dai 200 ai 150 euro in meno rispetto a oggi. Una sforbiciata pesante se si tiene conto dei bassi salari che esistono già nel mondo variegato del commercio e del fatto che molte commesse e cassiere sono a part-time e che, in alcuni casi, hanno il marito disoccupato». La mobilitazione degli addetti ai lavori, che sarà portata avanti dai sindacati di categoria ma anche dai dirigenti della Confcommercio-Ascom e dalla Confesercenti, è confermata anche dalle segreterie nazionali di Cgil, Cisl ed Uil del settore. «Ancora una volta Padova fa da apripista per tutta la penisola» osserva il padovano Ferruccio Fiorot, vice-segretario nazionale della Fisascat «Le lotte, che saranno decise nel Veneto, quasi certamente saranno esportate in tutte le altre regioni, dove il Gruppo Billa insisterà a tenere aperti alcuni punti vendita a Pasqua». Intanto anche i vertici del GruppoPam fanno sapere che domenica 20 aprile tutti i suoi supermercati resteranno chiusi. A Pasquetta, invece, ne apriranno solo alcuni come il punto vendita di Piazzetta Garzeria, di fronte al Pedrocchi.

Felice Paduano

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui