Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

CAVARZERE – Sono già 2.239 le firme raccolte contro la trasformazione della centrale a biogas di San Pietro. Le ultime 197 sono state depositate in municipio l’altro giorno dal consigliere comunale Renato Belloni. «Queste sono tutte firme raccolte tra i residenti di Cavarzere – afferma -. Le abbiamo portate in Comune in tre riprese: la prima volta ne abbiamo consegnate 1.882, la seconda 160 e le ultime giovedì». Ma la raccolta non si ferma, sono in arrivo anche alcune centinaia di firme dei cittadini di Loreo e Chioggia che temono conseguenze negative sul loro territorio. «Abbiamo ricevuto un ampio consenso tra la cittadinanza. È importante che la gente riconosca la gravità della situazione», spiega Belloni che, assieme ai delegati del comitato “Ambiente e sviluppo” e ai cittadini di San Pietro, è stato a Venezia dagli assessori all’Ambiente della Regione e della Provincia. «Sia Conte che Dalla Vecchia hanno garantito il loro interessamento al caso». Alle repliche inviate dalla “Martinelle energia” al diniego preventivo della Regione, il comitato ambientalista ha risposto con le sue controdeduzioni, già depositate al settore Tutela atmosfera della Regione.

Filippo Greggio

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui