Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

DOLO «Ogni ragionamento definitivo sul mantenimento dell’ufficio del Giudice di Pace a Dolo è subordinato a due condizioni: la pubblicazione del decreto ministeriale e la valutazione della Conferenza dei Sindaci che si riunirà il 17 aprile». Così Maddalena Gottardo, sindaco di Dolo, si esprime sul mantenimento del servizio a Dolo. Il decreto ministeriale, anticipato nelle scorse settimane in attesa di pubblicazione, prevede che il Giudice di Pace rimanga a Dolo con l’obbligo per i comuni di accollarsi la spesa (personale e struttura) stimata in 150 mila euro. «Nell’aprile 2013», spiega Gottardo, «i comuni della Riviera espressero la volontà di mantenere aDolo la sede del Giudice di Pace per garantire il minor disagio a cittadini». Il problema ora è il taglio dei trasferimenti verso i comuni. «L’ulteriore giro di vite imposto agli enti locali in termini di contenimento della spesa di personale e di rispetto del patto di stabilità rende necessaria una nuova valutazione», conclude Gottardo, «Per mantenere a Dolo il Giudice di Pace i comuni dovrebbero farsi carico di una quota di spesa a svantaggio dei bilanci e privarsi di risorse di personale proprie da trasferire all’ufficio giudiziario ». Pesante è il commento di Michele Zatta, presidente Camera degli Avvocati Riviera e Miranese. «Siamo increduli», spiega Zatta, «abbiamo chiesto spiegazioni al sindaco senza peraltro ricevere nulla di concreto. Vogliamo sottolineare che l’anno scorso è stata inviata una richiesta di mantenimento del Giudice di pace al Ministero accompagnata dall’ impegno di buona parte dei comuni del mandamento. Ora chiediamo che l’impegno venga onorato e se ci sono problemi tecnici che si provi a risolverli ».

Giacomo Piran

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui