Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

 

Noale. Soppresso il regionale 5707, utenti in attesa dalle 7.26 alle 8.01

Appuntamenti saltati, ritardi a scuola e al lavoro, convogli successivi strapieni

NOALE. Salta il regionale 5707 per Venezia, nell’orario di punta del mattino per andare al lavoro, e i convogli successivi si riempiono. Tutto questo nel primo vero giorno di cambio d’orario sulla tratta Bassano-Castelfranco-Venezia. Non sono mancati passeggeri che si sono arrabbiati: la loro pazienza, ormai, è da tempo messa a dura prova.

Tutto è partito con la cancellazione del treno in partenza da Castelfranco alle 7.04 e che sarebbe dovuto arrivare a Santa Lucia un’ora dopo, toccando anche le stazioni di Noale, Robegano, Maerne e Spinea. Invece quel treno non è mai passato, perché il numero 5700 da Venezia, in arrivo nella città trevigiana alle 6.26, era stato a sua volta soppresso e non è tornato indietro.

Così gli utenti hanno dovuto aspettare almeno mezzora prima di salire sul regionale successivo. Infatti a Noale, il treno sarebbe dovuto partire alle 7.26 ma i passeggeri hanno dovuto attendere quello delle 8.01, proveniente da Bassano, giunto con sette minuti di ritardo.

Le conseguenze sono facilmente immaginabili: appuntamenti posticipati, ragazzi arrivati tardi a scuola, dipendenti in ritardo in ufficio. «I vagoni erano pieni» racconta il consigliere di Uniti per rinnovare Alessandra Dini «e avendo tolto anche la navetta, si è dovuto aspettare per oltre trenta minuti. Non è possibile viaggiare in questo modo, molti altri utenti come me, erano furiosi per quanto successo».

Un’altra passeggera, proveniente da Bassano, conferma la situazione. «Arrivati a Noale verso le 8.10» spiega «c’era talmente tanta gente che ho faticato a scendere dalla carrozza dalla calca di passeggeri pronta a salire. In stazione c’era un uomo che al telefono si scusava del ritardo con il suo interlocutore perché il treno precedente era stato soppresso».

E un’altra testimonianza arriva da un uomo di Mestre, che ha la figlia residente a Spinea. «Ci ha impiegato due ore per raggiungere Venezia» fa sapere il pensionato «e stiamo parlando di poco più di 10 chilometri. Il regionale non è passato e soltanto alle 9 è arrivata a destinazione. Senza contare che spesso i treni sono pieni e deve andare a Maerne per salirci: non può sempre giustificarsi con il datore di lavoro per arrivare oltre l’orario stabilito».

Lungo la stessa linea, il resto della giornata è filato via nella norma, con ritardi di pochi minuti e arrivi a destinazione anche in anticipo.

Alessandro Ragazzo

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui