Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

È polemica contro i centri commerciali che hanno deciso di tenere aperto durante le festività (per il momento pare solo il Billa). «Chi ha annunciato l’apertura anche a Pasqua, Pasquetta, 25 Aprile, 1° Maggio e 2 Giugno, come molte Aziende della Grande Distribuzione – non ha responsabilità’ sociale, non ha rispetto delle persone e del stare assieme nella loro famiglia e del ruolo che hanno in famiglia, delle tradizioni delle nostre festività’ sia di preghiera che di valore civile». L’attacco arriva da Filcams, Fisascat e Uil. Per i sindacati “il lavoro domenicale e festivo non è una merce, ma un diritto costituzionale e non si può continuamente abusarne a vantaggio di pochi ma a danno di molti!” I sindacati poi invitano ai lavoratori che non hanno l’obbligo dal proprio contratto individuale di astenersi dal lavoro e di godersi le festività.
«A più di due anni dal Decreto Salva Italia che ha liberalizzato senza regole orari e aperture domenicali e festive, rileviamo solo disagi per i dipendenti, nessun recupero di vendite», sottolineano.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui