Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

 

Quelle installate sono troppo strette: le biciclette si incastrano con freni e cestini

Sostituzioni al via forse già oggi. Infuriati i pendolari: «Machi le ha previste?»

È appena stato inaugurato, ma ha già bisogno di importanti interventi.

A partire dalle rastrelliere che in un parcheggio per le biciclette non sono certo un dettaglio di secondo livello. E ora i pendolari si domandano: ma non sono state provate prima di essere acquistate? Si direbbe proprio di no perché è stato fatto un bel pasticcio. Le rastrelliere della nuova struttura, realizzata a fianco della stazione ferroviaria, sono da cambiare perché, infilate una a fianco dell’altra, e una di fronte all’altra, le biciclette si incastrano in un groviglio di leve di freni e cestini. Nel precedente bicipark non succedeva perché le “corsie” dove si infilano le ruote erano organizzate in modo tale da evitare l’effetto “Tetris” tra i mezzi. Così ieri ad alcuni abbonati al bicipark ancora fresco di vernice è stato chiesto di non assicurare le biciclette con il lucchetto, perché nelle prossime ore dovranno essere spostate per iniziare i lavori. Che tipo di lavori? «È allo studio una soluzione che non comporti troppi disagi», si limita a dire Avm, che preferisce così non sbilanciarsi e peggiorare una situazione che è più complicata di come possa sembrare a prima vista. L’obiettivo è il trasferimento delle rastrelliere che erano nel vecchio bicipark di piazzale Favretti – e che anche a detta dei pendolari andavano benissimo – che sono tuttavia in numero minore rispetto a quelle da sostituire.

Per le rimanenti quindi Avm ha davanti a sé due possibilità: modificare quelle esistenti (l’operazione però è piuttosto complessa) o comprarne di nuove. Insomma c’è il rischio che sia necessario riaprire il cantiere per le prossime settimane, con forti disagi per i pendolari, anche perché mentre si faranno i lavori dove si potranno lasciare le centinaia di biciclette che sarà necessario spostare? L’argomento è stato affrontato l’altro giorno in una riunione della società. Il problema delle rastrelliere era stato segnalato nei giorni scorsi anche nella petizione inviata al Comune e al prefetto dal comitato spontaneo dei ciclisti pendolari. «Da provare per credere quanto siano inefficaci», scrivono nella lettera di presentazione delle firme, «troppo alte e strette, le biciclette non ci stanno e si inizia a litigare con il vicino». Tra i disagi segnalati da chi ogni giorno si sposta in bici anche l’accesso pericoloso perché il bicipark al momento non è servito da una pista ciclabile e perché per salire all’area di sosta delle bici – a cinque metri d’altezza – bisogna percorrere due ripide rampe che con pioggia e ghiaccio rischiano di trasformarsi in uno scivolo.

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui