Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

GAZZETTINO – Treni, una mattina da incubo

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

24

apr

2014

NOALE – Auto abbatte le sbarre del passaggio a livello Due ore di caos dei treni

L’incidente all’alba Il conducente è fuggito

DISAGI – Riesplode la protesta di studenti e pendolari

CAOS – Una decina di convogli ha accumulato ritardi

A Noale un’auto centra le barriere del passaggio a livello: il traffico ferroviario va in tilt

Un mezzo che centra le barriere del passaggio a livello, i tecnici di Rfi che piombano sul posto, moltissimi treni in ritardo e altrettanti pendolari infuriati. Sulla linea Bassano-Venezia il film è sempre lo stesso: era successo due mesi fa, è capitato di nuovo ieri. Nella notte tra martedì e mercoledì, pare attorno alle quattro, un veicolo condotto da un dominicano di 40 anni è andato a sbattere contro le sbarre del passaggio a livello in via Tempesta.
È accaduto verso le 4 di notte. I problemi sono spuntati solo alle sei, quando è partita la circolazione dei treni regionali. Un’altra mattinata di passione per studenti e lavoratori, che nella rabbia del momento hanno subito puntato il dito contro Trenitalia. Ancora una volta, però, la causa di quei disagi era invece un conducente-pirata. Probabilmente ha accelerato vedendo le barriere abbassarsi, è riuscito ad oltrepassare i binari ma nell’urto ha danneggiato una sbarra e la centralina che la comanda.
All’alba sono intervenuti i carabinieri e i tecnici di Rfi, ma all’ora di punta il traffico ferroviario è andato irrimediabilmente nel caos.
I convogli hanno dovuto marciare a ritmo ridotto e con avvicinamenti a vista. Una decina di treni ha riportato ritardi fino a 20 minuti, almeno quattro «navette» Noale-Mestre sono state annullate tra le sei e le otto.
«Ignoti hanno danneggiato le barriere del passaggio a livello alla stazione Noale-Scorzé. La circolazione è tornata regolare alle otto» hanno fatto sapere le Ferrovie dello Stato con una nota a metà mattinata.
In realtà i pendolari raccontano molti disagi fino all’ora di pranzo: a Spinea tanti hanno scelto di prendere il bus, a Salzano ci sono stati i problemi maggiori.
«Al danno si aggiungeva la beffa di vederci sfrecciare davanti i treni diretti, che non fermano alla nostra stazione – raccontano alcuni lavoratori salzanesi – Siamo dovuti salire tutti alle 7.30 in un treno che naturalmente era già stracolmo».

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui