Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Treni. I pendolari presentano il conto a Zaia.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

25

apr

2014

ORARIO CADENZATO – I comitati del Veneto orientale incontrano il Governatore

LE RICHIESTE – I pendolari evidenziano che «nei festivi il servizio ferroviario inizia con un ritardo anche di 2 ore rispetto ai giorni lavorativi; rispetto al precedente orario c’è una riduzione di circa il 40 per cento e i treni serali sono stati anticipati, alcuni anche di 2 ore».

LINEA VENEZIA-PORTOGRUARO «Circolazione nei giorni di sabato e festivi dei treni 11100 per Venezia delle 5.25 e 11102 per Mestre delle 6.04, quest’ultimo dovrebbe essere prolungato fino alla stazione di Santa Lucia. Per i treni che partono da Venezia serve anticipare alle 21.41 quello che parte alle 22.11 per i turnisti che terminano alle 21 e posticipare alle 23.11 la corsa delle 22.41, con fermate in tutte le stazioni e coincidenze con i treni nazionali in arrivo da Torino, Milano e Roma. Sarebbe utile eliminare il bus delle 23.15 che impiega 149 minuti per arrivare a Portogruaro, mentre il treno solo 72».

LINEA VENEZIA-CASTELFRANCO  «Il treno 5700 delle 5.26, vista la scarsa affluenza, potrebbe essere spostato alle 21.26, modifica a costo zero perché entrambi i treni sono in fascia notturna. Altra richiesta è anticipare il 5701 di 10-15 minuti in tutto il suo percorso per farlo giungere a Venezia entro le 6.24 e permettere ai turnisti di raggiungere in orario il posto di lavoro. L’ultimo collegamento per Castelfranco è alle 20.56, con il vecchio orario esisteva il treno delle 21.14 che permetteva ai turnisti delle 21 di rientrare a casa». Capitolo autobus: «A causa del mancato dialogo con utenti e amministratori comunali l’assessore regionale alla Mobilità Renato Chisso ha provato a rimediare inserendo oltre una decina di corse sostitutive con i bus. Non sappiamo quantificare i costi economici e ambientali di queste corse, ma sappiamo che non hanno risolto i problemi».

Davide De Bortoli

 

LE OSSERVAZIONI – Ridotti treni notturni e collegamenti festivi

PORTOGRUARO – Le richieste dei Comitati dei Pendolari approdano in Regione. Il presidente della Regione Veneto Luca Zaia venerdì scorso ha ricevuto Nicola Nucera, Luciano Ferro, Marco Natella e Franco Marotto, portavoci dei Pendolari del Veneto Orientale e Quarto d’Altino. Al presidente Zaia sono state consegnate le richieste e le modifiche suggerite dopo 4 mesi di osservazioni dall’entrata in vigore dell’orario cadenzato. Nel documento si evidenzia come «il cadenzato abbia ridotto i collegamenti nei giorni festivi e i treni nelle fasce notturne, con un’ulteriore diminuzione del servizio rispetto al precedente orario, già scarso. Ci sono meno treni nei giorni festivi e meno treni alla sera tardi e al mattino presto».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui